supervulcano
Photo by Marc Szeglat on Unsplash

Durante lo studio di un antico supervulcano in Indonesia, un team di ricerca internazionale ha scoperto che tali vulcani rimangono attivi e pericolosi per migliaia di anni dopo una supereruzione. La rivelazione rende necessario ripensare a come vengono previsti questi eventi potenzialmente catastrofici. Un articolo sulla scoperta è stato pubblicato sulla rivista Nature – Earth and Environmental Sciences.

Lo studio è stato condotto da ricercatori dell’Oregon State University, insieme a scienziati della Curtin University (Australia), dell’Agenzia Geologica dell’Indonesia e dell’Università di Heidelberg (Germania).

Secondo il professore associato Martin Danišík della Curtin University, uno dei coautori dello studio, i supervulcani esplodevano più volte con intervalli di decine di migliaia di anni tra grandi eruzioni, ma non si sa cosa sia successo durante i periodi dormienti. “La comprensione di questi lunghi periodi dormienti determinerà ciò che cerchiamo nei giovani supervulcani attivi per aiutarci a prevedere le eruzioni future“, ha affermato.

Danišík ha continuato: “Le supereruzioni sono tra gli eventi più catastrofici nella storia della Terra, rilasciando enormi quantità di magma quasi istantaneamente. Possono avere un impatto sul clima globale al punto da spingere la Terra in un ‘inverno vulcanico’“, ovvero un periodo insolitamente freddo che può provocare carestie diffuse e disorganizzazione della popolazione. “[…] Imparare come funzionano i supervulcani è importante per comprendere la futura minaccia di un’inevitabile supereruzione, che si verifica una volta ogni 17.000 anni”.

Secondo Danišík, il team ha studiato il destino del magma lasciato dopo la super-eruzione del vulcano Toba 75.000 anni fa. Gli scienziati hanno utilizzato i minerali feldspato e zircone, che contengono registrazioni indipendenti dal tempo basate sull’accumulo di gas argon ed elio, come capsule temporali nelle rocce vulcaniche.

 

Minaccia prolungata

Utilizzando questi dati geocronologici, inferenze statistiche e modelli termici, mostriamo che il magma ha continuato a fuoriuscire dalla caldera, o dalla profonda depressione creata dall’eruzione del magma, per 5.000-13.000 anni dopo la supereruzione. Quindi il carapace del magma solidificato rimanente è stato sollevato come un gigantesco guscio di tartaruga“, ha osservato Danišík.

I risultati hanno sfidato le conoscenze esistenti e lo studio delle eruzioni, che in genere comporta la ricerca di magma liquido sotto un vulcano per valutare il pericolo futuro. Ora dobbiamo considerare che le eruzioni possono verificarsi anche se non si trova magma liquido sotto un vulcano: il concetto di ciò che è ‘erruttibile’ deve essere rivalutato“, ha affermato.