cavi usb-c ricarica
Foto di Denys Vitali da Pixabay

Sappiamo di quanto le persone siano entusiaste quando la potenza dei cavi di ricarica USB-C è quasi raddoppiata, passando da 100 a 240W. Tuttavia ciò porta a galla un problema fondamentale: come possono le persone imparare a riconoscerli?

L’USB-IF stabilisce nuovi loghi per cavi USB Type-C certificati per visualizzare le capacità di alimentazione del cavo in watt, indicando chiaramente il supporto per 60 W o 240 W come definito dalla specifica USB Power Delivery 3.1.

 

Ora sarà più facile trovare cavi USB-C di ricarica da 240W

I nuovi loghi della potenza, che potremmo vedere di seguito, identificheranno chiaramente quando un cavo USB-C supporta la ricarica da 240 W. Inoltre hanno annunciato il nuovo limite di trasferimento di potenza a 240W a maggio. Questa mossa è stata accolta in modo positivo perché significa che ora l’USB Power Delivery è in grado di ricaricare tutti i laptop disponibili, tranne i più pesanti, eliminando la necessità di un adattatore di alimentazione proprietario.

USB-IF ha anche presentato nuovi loghi per l’alimentazione USB4, che fornisce velocità di trasferimento dati di 40 Gbps tramite un connettore USB-C, nonché loghi per cavi combinati USB4 e 240 W. Le soluzioni USB certificate garantiscono l’interoperabilità e la retrocompatibilità sul mercato e USB-IF ricorda ai consumatori di acquistare prodotti certificati da fonti affidabili che espongono loghi certificati USB-IF su confezioni, schede prodotto o dispositivo, caricatore e cavo stesso.

Secondo alcune fonti si è evidenziato che gli standard di addebito e trasferimento dati non sono legati tra loro. Ciò significa che potremmo ottenere un caricabatterie da 240 W che trasferisce i file lentamente o viceversa. Inoltre, la mossa rende i produttori responsabili dell’inclusione dei nuovi loghi sui cavi. Tuttavia non tutti lo faranno, il che porterà inevitabilmente più di un utente a chiedersi se hanno acquistato qualcosa di difettoso quando i loro dispositivi non si caricano e i loro file non vengono trasferiti come previsto.

Foto di Denys Vitali da Pixabay