sonniferi
Photo by Ben Blennerhassett on Unsplash

Come noto, a seconda del tipo di sonniferi che assumiamo, questi agiranno in modo diverso nel nostro corpo. Uno dei più comunemente usati è la melatonina. Si tratta fondamentalmente di un ormone che facilita la regolazione del sonno e funziona per 12 ore dal momento in cui fa sera. Se aumentiamo artificialmente i livelli di melatonina nel corpo, ci sentiremo più stanchi e forse ci addormenteremo più velocemente.

Tuttavia, questo modo artificiale di dormire finisce per generare un sonno profondo, ma non ristoratore. Questo perché i cicli REM di riposo non sono soddisfatti e la nostra mente non ha l’opportunità di “pulirsi” adeguatamente. Inoltre, impiegare più tempo per entrare nei cicli REM è associato a un rischio maggiore di demenza futura. Qualcosa che va di pari passo con studi precedenti che collegano la mancanza di sonno con il rischio di demenza. Di conseguenza, anche se si dorme un po’ più a lungo, le conseguenze per la nostra salute mentale potrebbero essere gravi a lungo termine.

 

Quali conseguenze può avere l’uso di sonniferi?

Uno dei primi dettagli che dobbiamo prendere in considerazione prima di prendere i sonniferi è che il nostro corpo si abituerà ad essi. Di conseguenza, una dose che in precedenza poteva aiutarci a dormire più tardi non otterrà molto effetto in un arco di tempo indefinito e rimarremo svegli come sempre. Ciò è dovuto al fatto che i farmaci per dormire tendono a generare dipendenza nelle persone, richiedendo dosi sempre più elevate per offrire i loro stessi effetti. Per questo motivo è fondamentale che le prescrizioni di questi tipi di farmaci siano sempre gestite da un medico che stabilisca di quanto aumentare le dosi e come procedere per interrompere successivamente l’uso delle pillole. Questo perché, poiché creano dipendenza, non possono essere semplicemente abbandonate quando non occorrono più. Al contrario, le loro dosi dovrebbero essere ridotte a poco a poco fino a quando il nostro corpo non si abituerà a stare di nuovo senza di essi – questo è un processo che potrebbe durare mesi.

 

Quali effetti collaterali potrebbero verificarsi nel nostro corpo?

Nello specifico, l’uso di sonniferi da banco può avere vari effetti collaterali sulla salute del nostro corpo. Ad esempio, in alcuni casi può provocarci la sensazione di avere la bocca secca, mal di testa e/o debolezza muscolare. In altri, possono verificarsi problemi digestivi come gas, bruciore o nausea. Allo stesso modo, anche costipazione e diarrea sono una possibilità.

D’altra parte, l’uso generale di sonniferi può anche causare a volte problemi di memoria e riflessi. Allo stesso modo, il rischio di cadute o confusione è amplificato, specialmente negli anziani o in quelli con demenza. Di conseguenza, i sonniferi non sono raccomandati a tutti. Infatti, le persone con diabete, depressione, disturbi emorragici o della coagulazione del sangue, problemi di pressione sanguigna o epilessia o altri disturbi convulsivi sono generalmente invitati ad astenersi dall’assumere il farmaco.

 

Sonniferi: soluzione o placebo?

I sonniferi non sono così efficaci nell’aiutare il nostro corpo a riposare. Ci addormentiamo più velocemente, ma non in modo significativo. In generale, le persone che prendono le pillole riescono ad addormentarsi tra gli 8 ei 20 minuti più velocemente di quelle che non lo fanno. Di conseguenza, aggiungono circa 35 minuti di sonno in più alle loro notti, ma non necessariamente riposano.

I cicli REM non vengono raggiunti adeguatamente quando usiamo i sonniferi. Pertanto, la mattina dopo, anche se abbiamo dormito, non ci sentiamo riposati o con l’energia che ci aspetteremmo. Per questo motivo, sebbene i sonniferi possano essere un’opzione per rilassare il corpo in un momento particolare, non sono sicuramente una soluzione a lungo termine. Quindi, dovremmo pensare ad altre alternative per migliorare la nostra routine di riposo.

 

Come migliorare il nostro riposo senza usare sonniferi?

Dal momento che non possiamo usare sonniferi a lungo termine, sono state sviluppate altre alternative per curare l’insonnia. Uno di questi potrebbe essere quello di sfruttare le terapie cognitivo-comportamentali per “riprogrammare” la nostra mente e migliorare le nostre abitudini di riposo.

Oltre a ciò, possiamo anche utilizzare strumenti aggiuntivi come applicazioni, programmi e altri che possono aiutarci a tenere traccia della nostra routine del sonno. Inoltre, possiamo avvalerci anche di altri accorgimenti come fare un bagno caldo prima di dormire, bere camomilla e usare coperte pesanti. Se ciò non funziona, potrebbe anche valere la pena cercare di evitare pasti abbondanti, alcol e caffeina prima di andare a letto. Se è di nostro gradimento, può anche aiutare meditare o leggere un libro rilassante prima di andare a letto ed evitare di interagire con apparecchiature elettroniche per almeno 30 minuti prima di andare a dormire.

Un altro segreto per dormire bene la notte è rimanere attivi durante il giorno, in modo da essere stanchi la sera e addormentarsi più facilmente. Inoltre, se quello di cui abbiamo bisogno è il relax, anche avere un atteggiamento più ottimista e dormire con il nostro animale domestico potrebbe essere di grande aiuto.

Se, oltre a tutto questo, sviluppiamo un programma e trasformiamo la nostra camera da letto in un “santuario” del sonno, sarà molto meglio per noi. Questo perché creeremo una sana abitudine per il nostro corpo, che sarà molto più vantaggiosa della soluzione rapida dei sonniferi.