gatti
Photo by Kari Shea on Unsplash

Se hai mai considerato la possibilità che le reazioni del tuo gatto siano una conseguenza dei tuoi stessi gesti e movimenti in casa, sappi che questa supposizione potrebbe essere vicina alla realtà. Secondo una nuova ricerca scientifica, i gatti controllano persino i passi degli umani che li circondano.

Questo, dicono gli esperti, perché i gatti conservano una rappresentazione mentale dei loro proprietari anche quando non possono vederli. Questo è in realtà un ponte cruciale verso un processo cognitivo superiore come la pianificazione o l’immaginazione. 

Sebbene ricerche passate abbiano dimostrato che i gatti cercano cibo nei posti giusti (anche quando non c’è) o si aspettano di vedere i volti dei loro proprietari, non era chiaro come questa capacità si sia tradotta nella vita reale. “Si dice spesso che i gatti non sono interessati ai loro proprietari allo stesso modo dei cani, ma eravamo dubbiosi su questo punto“, ha spiegato Saho Takagi, ricercatore presso l’Università di Kyoto in Giappone.

Per chiarire questo punto, Takagi e il suo team hanno registrato cosa è successo quando 50 gatti domestici sono stati chiusi individualmente all’interno di una stanza, consentendo loro di sentire le voci dei loro proprietari che li chiamavano dall’esterno della stanza. Poi gli è stata fatta ascoltare un’altra voce, questa volta quella di un estraneo, inframmezzata da quella del proprietario, ma proveniente dal lato opposto della stanza. Successivamente, otto persone hanno osservato le immagini e valutato il livello di sorpresa degli animali in base ai movimenti delle orecchie e delle teste degli animali.

 

I risultati dell’esperimento

Si è giunti alla conclusione che, solo quando le voci dei proprietari apparivano all’interno della stanza dove erano stati chiusi – cosa che sarebbe stata possibile solo se fossero stati teletrasportati – i gatti avrebbero potuto confondersi. “Questo studio mostra che i gatti possono mappare mentalmente la loro posizione in base alla voce del loro proprietario“, ha spiegato Takagi. “I risultati suggeriscono inoltre che i gatti hanno la capacità di percepire l’invisibile nella loro testa, forse avendo una mente più profonda di quanto si credesse in precedenza“.

Anche così, questa scoperta non ha sorpreso tutti coloro che sono entrati in contatto con i felini. “Questa percezione del movimento – il monitoraggio delle cose che non possono vedere – è essenziale per la sopravvivenza dei gatti”, ha spiegato Roger Tabor, biologo e autore della serie Cats. “Molto di ciò che i gatti devono interpretare nel loro territorio implica la percezione di dove si trovano gli altri gatti. È importante anche per la caccia: come potrebbe un gatto catturare un topo che si muove sotto l’erba se non usa indizi, come il rumore, per capire dove si trova veramente la preda? I proprietari di gatti sono figure estremamente importanti nella vita di questi animali come fonte di cibo e sicurezza, ma anche in altri ambiti”, ha affermato Tabor.

È interessante notare che i gatti non sono sembrati ugualmente sorpresi quando le voci dei loro proprietari sono state sostituite dai miagolii o dai suoni elettronici di altri gatti. Forse questo è dovuto al fatto che i gatti adulti non tendono a usare la voce come principale mezzo di comunicazione con gli altri: si affidano principalmente ad altri segnali, come l’olfatto. “Il miagolio che abbiamo usato in questo studio è un segnale vocale che viene emesso solo agli umani, con i gattini che sono l’unica eccezione“, ha spiegato Takagi.