influenza-aviaria
Photo by Max Kleinen on Unsplash

La Francia ha rilevato un ceppo “altamente patogeno” di influenza aviaria in un allevamento di pollame vicino al confine con il Belgio. È la prima volta da quando un grave focolaio di influenza aviaria durante lo scorso inverno è stato ritrovato in un allevamento francese. Lo ha affermato il ministero dell’agricoltura in una nota, sebbene al momento siano stati riscontrati quattro casi tra la fauna selvatica e tre nel pollame da cortile.

Il virus viene analizzato dall’Agenzia francese per l’alimentazione, l’ambiente e la salute e sicurezza sul lavoro. Tutti i volatili dell’allevamento colpito nella città nordoccidentale di Warhem saranno uccisi ed è stato istituito un perimetro di sorveglianza di 10 chilometri, con ogni movimento di pollame vietato nell’area.

Parte dell’area circoscritta si trova nella provincia belga delle Fiandre occidentali. L’Agenzia federale belga per la sicurezza della catena alimentare ha adottato oggi misure aggiuntive per le città di De Panne, Veurne, Alveringem e Poperinge. Gli allevatori di pollame e i proprietari privati ​​devono tenere gli uccelli in gabbia e le mostre e i mercati di pollame sono vietati.

Il consumo di pollame e uova non presenta rischi per l’uomo, ha affermato il ministero francese.