grande-barriera
Ph. Pixabay

La Grande Barriera di Corallina dell’Australia sta generando un’esplosione di colore: una delle meraviglie del mondo recupera il suo splendore dopo gli episodi sbiancamento che minacciavano la loro sopravvivenza. Gli scienziati, infatti, hanno osservato il modo in cui i coralli fertilizzano miliardi di nuove vite scaricando sperma e uova nell’Oceano Pacifico al largo della città costiera di Cairns, nello stato del Queensland.

 

La deposizione delle uova dura due o tre giorni

La rete di 2.500 barriere coralline che copre 348.000 chilometri quadrati ha subito un significativo sbiancamento a causa dell’aumento delle temperature oceaniche nel 2016, 2017 e lo scorso anno. Questo fenomeno ha danneggiato due terzi dei coralli.

Gareth Phillips, uno scienziato marino di Reef Teach, un’azienda di turismo e istruzione, sta studiando la deposizione delle uova come parte di un progetto per monitorare la salute della barriera. “È gratificante vedere il corallo partorire“, ha dichiarato Phillips in una nota, “è una forte dimostrazione che le sue funzioni ecologiche sono intatte e funzionano dopo una fase di recupero di oltre 18 mesi“. E conclude: “La barriera corallina ha attraversato i suoi problemi, come tutti noi, ma può ancora rispondere e questo ci dà speranza. Penso che dobbiamo concentrarci sulle vittorie mentre emergiamo dalla pandemia“, ha aggiunto Phillips.