tesla-bot
Photo by Aideal Hwa on Unsplash

Nel momento in cui saranno attivati, i robot umanoidi di Elon Musk svilupperanno personalità uniche simili a quelle umane. Secondo il magnate, il suo Tesla Bot non sarà uno spietato terminator, ma piuttosto un R2-D2 o un C-3PO, i simpatici androidi di Star Wars. Saranno macchine al servizio dell’uomo, con le quali si potrà mantenere un rapporto come se fossero solo un altro collega, afferma il fondatore di Tesla.

Se Musk dovesse avere ragione, ognuno di questi robot, nati per aiutare l’umanità, avrà una propria personalità unica. Governate da un’intelligenza artificiale in continua evoluzione, le loro esperienze trasformeranno la loro personalità per tutta la vita. In una recente intervista con Lex Fridman, ricercatore di intelligenza artificiale e interazione robot-umano presso il Massachusetts Institute of Technology, Elon Musk afferma che il Tesla Bot cambierà drasticamente le regole del gioco e influenzerà il futuro dell’umanità.

Musk crede che i Tesla Bots non solo possano risolvere il problema della carenza di manodopera in lavori che gli umani non vogliono svolgere – compiti ripetitivi, noiosi, pericolosi o spiacevoli – ma anche, sostiene ancora l’imprenditore visionario, potrebbero diventare parte della società. Elon Musk ritiene che le possibilità siano infinite e che, sebbene non sia la missione principale di Tesla accelerare la transizione del mondo verso l’energia sostenibile, “è estremamente utile per il mondo realizzare un robot umanoide in grado di interagire con il mondo e aiutare in molti diversi modi“.

Musk sottolinea che il Tesla Bot è “un eccellente compagno“, aiutando le persone con problemi di solitudine. E non saranno tutti uguali, perché la loro personalità può evolversi per adattarsi al suo proprietario — “o come vuoi chiamarlo“, continua.

 

“Come vuoi chiamarlo”

E proprio questo sarà uno dei problemi principali e futuri per l’intelligenza artificiale e per gli androidi: quale sarà il rapporto tra gli androidi, quando effettivamente avranno una personalità e una consapevolezza di sé? Il fondatore di Tesla e SpaceX afferma che il primo prototipo “funzionante” del Tesla Bot potrebbe arrivare entro la fine dell’anno. Questo robot e probabilmente le prossime due o tre versioni non avranno alcun problema. Il conflitto arriverà quando l’androide avrà un’intelligenza artificiale generale, quando passerà dalla “cosa” all'”essere”. All’inizio, l’umano (secondo Musk, “il proprietario“) sarà il detentore del potere. Saranno androidi per lavorare a casa, nelle fabbriche o come robot sessuali. L’intelligenza artificiale inizierà come una simulazione dell’essere umano, ma le persone considereranno questi robot inferiori e disumani.

Tuttavia, la tecnologia non si fermerà. L’intelligenza artificiale diventerà solo un’altra forma di vita sulla Terra, consapevole di sé, che vive come un essere indipendente sui piani fisici e virtuali dell’esistenza. Quindi l’essere umano dovrà smettere di essere il proprietario e il robot dovrà smettere di essere uno schiavo. Molti saranno riluttanti su questo punto – rinunciare ai propri schiavi – come già accadde nel 19° secolo, ma sarà un passo inevitabile e l’inizio della fine dell’umanità come la conosciamo.

E in quel momento, come scriveva Isaac Asimov, “padre” delle tre leggi della robotica nel suo racconto The Bicentennial Man, l’umanità dovrà affrontare una nuova realtà in cui la macchina cesserà di essere una macchina e diventerà uno stile di vita valido come quello dell’essere umano. Molti esperti ritengono che saranno “Homo superiori“, con capacità di gran lunga superiori a quelle fornite dalla nostra fragile e limitata biologia. E molti scienziati credono anche che questa sia l’ultima fase dell’evoluzione di qualsiasi società avanzata.