senso-orientamento
Foto di Kamaji Ogino da Pexels

Gli scienziati cercano sempre di più di giustificare l’influenza dell’ambiente che ci circonda non solo sulla nostra salute mentale, ma anche sulle nostre capacità cognitive. Infatti, un nuovo studio ha trovato un’affascinante relazione tra il luogo in cui siamo nati e le nostre capacità di orientamento. La ricerca è stata sviluppata da un team internazionale, che ha concluso come gli individui navighino meglio in ambienti simili a quelli in cui sono nati.

Allo stesso tempo, le persone che sono nate in città la cui organizzazione segue il concetto di griglia sono peggiori a navigare in ambienti meno organizzati rispetto alle persone che sono cresciute in città con un design più casuale, mentre le persone che sono nate fuori città erano più brave a navigare all’interno di spazi più grandi delle persone dei centri urbani. “Abbiamo scoperto che, in media, le persone che hanno riferito di essere cresciute in città avevano capacità di navigazione peggiori di quelle che hanno riferito di essere cresciute fuori città“, affermano gli autori.

 

Lo studio

I ricercatori hanno raccolto i dati memorizzati da 397.162 persone provenienti da 38 Paesi che avevano giocato al videogioco Sea Hero Quest (SHQ), un gioco di individuazione del percorso che prevede la navigazione su una barca alla ricerca di creature marine. Questo particolare compito è stato scelto perché le prestazioni dell’SHQ hanno dimostrato la prevedibilità della navigazione nel mondo reale e i ricercatori hanno avuto accesso a un ampio set di dati.

I giocatori di SHQ vengono inizialmente presentati con una mappa che indica la loro posizione di partenza e la posizione di vari checkpoint che devono trovare in un ordine prestabilito. I ricercatori hanno utilizzato solo i dati dei giocatori che avevano completato un minimo di undici livelli del gioco per ottenere una stima affidabile dell’abilità di navigazione spaziale.

Per studiare eventuali variazioni nella capacità di navigazione spaziale, i ricercatori hanno ideato una metrica di quanto fosse complesso il progetto di una città. Hanno calcolato l’entropia della rete stradale (SNE) delle città più grandi dei 38 Paesi da cui provengono i dati dei partecipanti. Le città in rete (es. Chicago) hanno un SNE piccolo, mentre le città con una maggiore dispersione organica (es. Praga) hanno un SNE più alto. “Abbiamo scoperto che crescere in città con un basso SNE ha portato a prestazioni migliori a livelli di videogiochi con un design regolare, mentre crescere fuori città o in città con un SNE più alto ha portato a prestazioni migliori a livelli di SNE più elevati”, affermano gli autori. E aggiungono: “Ciò conferma l’impatto dell’ambiente sulla cognizione umana su scala globale e sottolinea l’importanza della progettazione urbana sulla cognizione umana e sulla funzione cerebrale“.

La maggior parte dei Paesi inclusi nello studio presentava modelli urbani tipici delle strade nei centri storici (ad es. Francia, Romania, Spagna, Thailandia, India). Tuttavia, alcuni Paesi hanno piani notevolmente più piccoli, corrispondenti a schemi a griglia ortogonale, che è uno schema stradale pianificato molto comune nelle città (ad esempio Stati Uniti, Argentina).

I risultati sono anche coerenti con ricerche precedenti che hanno mostrato una relazione tra l’esplorazione di ambienti complessi e un impatto positivo sui nuovi neuroni che crescono nell’ippocampo nei roditori, nonché la ricerca che collega l’aumento dell’attività e del volume nell’ippocampo e la navigazione spaziale complessa degli umani.

Inizialmente, sembra unanime che le persone che sono cresciute in ambienti più complessi avrebbero migliori capacità di navigazione, ma gli autori sottolineano che ci sono probabilmente molteplici meccanismi in gioco quando le persone stanno sviluppando le proprie capacità di navigazione. In genere, tendiamo a ridurre al minimo le strade utilizzate e le svolte durante il viaggio. Dover navigare in tracciati stradali irregolari implicherebbe probabilmente il dover stare più vicino alla direzione di destinazione a causa di una maggiore variazione degli angoli delle strade, utilizzando la memoria spaziale o prospettica per i nomi delle strade e le curve future.

Secondo i ricercatori, la costante necessità di impegnarsi in questi compiti cognitivi aumenterebbe probabilmente la capacità dei sistemi neurali sottostanti di orientamento, memoria prospettica e pianificazione.