esercizio fisico benefici
Foto di StockSnap da Pixabay

I ricercatori della Stanford School of Medicine hanno identificato una molecola nel sangue che viene prodotto quando si fa esercizio fisico e può ridurre in modo davvero efficace l’assunzione di cibo e l’obesità nei topi. Questi risultati migliorano la nostra comprensione dell’interazione tra esercizio fisico e fame. È stato dimostrato che l’esercizio fisico regolare aiuta la perdita di peso, regola l’appetito e migliora il profilo metabolico, soprattutto per le persone in sovrappeso e obese.

L’obiettivo dello studio è quello di  capire al meglio il meccanismo attraverso il quale l’esercizio fisico innesca questi benefici, per aiutare molte persone a migliorare la propria salute. Ha cercato di capire tutto ciò a livello molecolare per essere in grado di cogliere questi benefici. Ad esempio, le persone anziane o fragili che non possono esercitare abbastanza, un giorno potrebbero trarre beneficio dall’assunzione di un farmaco che può aiutare a rallentare l’osteoporosi, le malattie cardiache o altre condizioni.

 

Esercizio fisico, trarne i benefici a livello molecolare

I ricercatori hanno condotto analisi complete dei composti del plasma sanguigno dei topi dopo un’intensa corsa sul tapis roulant. La molecola più significativamente indotta era un amminoacido modificato chiamato Lac-Phe. Nei topi con obesità indotta dalla dieta, una dose elevata di Lac-Phe ha soppresso l’assunzione di cibo di circa il 50% rispetto ai topi di controllo per un periodo di 12 ore senza influire sui loro movimenti o sul dispendio energetico. Quando somministrato ai topi per 10 giorni, Lac-Phe ha ridotto l’assunzione cumulativa di cibo e il peso corporeo e ha migliorato la tolleranza al glucosio.

Hanno anche identificato un enzima chiamato CNDP2 che è coinvolto nella produzione di Lac-Phe e hanno dimostrato che i topi privi di questo enzima non perdevano tanto peso durante un regime di esercizio quanto un gruppo di controllo con lo stesso piano di esercizio. È bene notare che i ricercatori hanno riscontrato forti aumenti dei livelli plasmatici di Lac-Phe in seguito all’attività fisica nei cavalli da corsa e negli esseri umani. I dati di una coorte di esercizi umani hanno mostrato che l’esercizio sprint ha indotto l’aumento più drammatico del Lac-Phe plasmatico, seguito dall’allenamento di resistenza e quindi dall’allenamento di resistenza.

Questo suggerisce che Lac-Phe è un sistema antico e conservato che regola l’alimentazione ed è associato all’attività fisica in molte specie animali. I prossimi passi includono la ricerca di maggiori dettagli su come Lac-Phe media i suoi effetti nel corpo, incluso il cervello. L’ obiettivo è imparare a modulare questo percorso di esercizio per interventi terapeutici.

Foto di StockSnap da Pixabay