olio di pesce dosaggio benefici
Foto di Ranys Tuunainen da Pixabay

Gli integratori di olio di pesce, che come sappiamo sono ricchi di Omega3, sono stati collegati a innumerevoli benefici per la nostra salute, compreso il supporto di alcuni organi vitali come il cervello e il cuore. Inoltre un ulteriore beneficio è quello di mantenere una sana risposta infiammatoria del corpo. Questa tipologia di integratori sono considerati sicuri e a basso potenziale di effetti collaterali negativi.

Tuttavia se siamo interessati ad assumere integratori di olio di pesce dobbiamo sapere quale sia il dosaggio giusto per trarne maggiori benefici. Quindi è necessario chiedere agli esperti la dose giusta per ognuno di noi. Come già sappiamo esistono tre tipi principali di acidi grassi Omega3: acido eicosapentaenoico (EPA), acido docosaesaenoico (DHA) e acido alfa-linolenico (ALA). Mentre il corpo può tecnicamente produrre piccole quantità di EPA e DHA da ALA, il tasso di conversione è piuttosto basso e altamente variabile.

 

Olio di pesce: quale dosaggio è più giusto?

Questo è il motivo per cui gli esperti consigliano di assumere integratori per raggiungere il fabbisogno giornaliero di cui abbiamo bisogno. Quando li consumiamo, gli omega-3 si trovano nelle membrane di ogni cellula del nostro corpo, forniscono energia per il corpo e aiutano a costruire molecole di segnalazione. Sebbene vi sia una dose giornaliera prestabilita, non vi è alcuna assunzione giornaliera raccomandata ufficiale dalle accademie nazionali per EPA o DHA.  Tuttavia sulla base di ricerche scientifiche, le prove solite consolidate di questi omega-3 marini hanno portato molte organizzazioni scientifiche e nutrizionali a pubblicare le proprie linee guida per garantire che le persone si riempiano di acidi grassi benefici.

Le linee guida dietetiche suggeriscono che le persone in media mangiano 2 porzioni a settimana di pesce, il che equivale a circa 250-500 milligrammi di Omega3 combinati con il livello di assunzione di base. Inoltre, l’American Heart Association raccomanda di aumentare l’assunzione a 1.000 milligrammi di EPA più DHA al giorno per promuovere ulteriormente la salute cardiovascolare.  Aumentare questo grammo in più significa assumere circa una porzione di pesce grasso ogni giorno, che non solo hanno implicazioni sul costo, ma anche su una serie di considerazioni sui metalli pesanti e sui contaminanti.

 

Regolare trigliceridi e colesterolo

Se non siamo amanti del consumo di pesce gli integratori possono darci un grande aiuto. Dobbiamo fare attenzione solo che l’integratore che stiamo assumendo fornisca una dose significativa di omega-3, almeno 500 milligrammi di EPA e DHA: la dose più vantaggiosa per i benefici cardio protettivi includerà 1.000 milligrammi o più di grassi. Come già sappiamo i trigliceridi sono i componenti essenziali del grasso corporeo. Avere livelli sani di trigliceridi che circolano nel sangue, ad esempio misurati in un pannello lipidico dal medico, può influire direttamente e positivamente sugli esiti della salute cardiovascolare.

A quanto pare l’olio di pesce può essere utilizzato per aiutare a regolare i livelli di trigliceridi nel nostro corpo. L’assunzione di pesce e olio di pesce può anche aiutare a modulare i livelli di colesterolo HDL buono. Quando si tratta di livelli di colesterolo sani, le donne dovrebbero cercare di ottenere un colesterolo totale compreso tra 125 e 200 mg/dL, con colesterolo HDL a 50 mg/dL o superiore e colesterolo LDL (cattivo) inferiore a 100 mg/dL. Gli uomini dovrebbero puntare agli stessi livelli di colesterolo totale e LDL, ma i livelli sani di HDL possono essere 40 mg/dL o superiori.

Foto di Ranys Tuunainen da Pixabay