catastrofe
Image by Myriams-Fotos from Pixabay

Sappiamo che il corpo umano può sopportare livelli di sofferenza incomprensibili per sopravvivere e sappiamo di migliaia di casi inediti che lo dimostrano. Ma quanto può essere persistente l’istinto di sopravvivenza umano quando è costretto a vivere così tante catastrofi globali consecutive?

Negli ultimi cinque anni abbiamo attraversato due eruzioni vulcaniche, una pandemia globale, una guerra e un’epidemia di vaiolo che imperversa ancora in Europa. Tuttavia, contro ogni previsione, siamo usciti vittoriosi. Come? Per la scienza c’è solo una ragione che ha ritardato l’estinzione umana ed è la capacità di stabilire rifugi sicuri dove le persone possono vivere fino alla scomparsa del pericolo.

 

L’umanità non può combattere corpo a corpo contro le catastrofi

Un articolo sulla rivista Risk Analysis suggerisce che gli esseri umani possono resistere a qualsiasi pandemia o catastrofe globale, purché abbiano un rifugio, un’isola o un luogo sicuro dove nascondersi a portata di mano.

Questi risultati sono il prodotto di un’indagine di tre anni, che ha studiato perché sia ​​la Cina che l’Australia sono servite come rifugi durante la pandemia. Due Paesi ben noti per mantenere i tassi di infezione al di sotto di 2.000 casi ogni 100.000 abitanti. Qualcosa che a prima vista non ha senso, dal momento che Cina e Australia non hanno una giurisdizione comune o una geografia simile.

Tuttavia, durante l’inchiesta i due Paesi erano simili sotto altri aspetti. Entrambi hanno un alto grado di centralizzazione e un’elevata capacità di isolamento. La Cina, mediante il suo governo autoritario e l’Australia con il suo isolamento sociale e geografico. Pertanto, potrebbero rapidamente radunare la popolazione in punti strategici dove il Covid-19 non si era ancora diffuso.

Inoltre, entrambe le giurisdizioni sono state sempre isolate dal resto dei Paesi durante la pandemia. L’Australia per la sua posizione geografica in mezzo all’oceano e la Cina attraverso i suoi confini terrestri, i più lunghi del mondo. Il che significa che durante la pandemia hanno agito come “rifugi di massa” per ridurre la diffusione. È stato così che i ricercatori hanno stabilito che gran parte della popolazione umana ha bisogno di rifugi per sopravvivere a una catastrofe globale. Non importa se si tratta di un virus, di un’eruzione tipo Pompei o di un asteroide spaziale. Naturalmente, non un rifugio qualsiasi.

 

I rifugi pandemici sono l’opzione migliore per l’umanità

Ricerche precedenti hanno già suggerito che le nazioni insulari come l’Islanda, l’Australia e la Nuova Zelanda sono buoni candidati per un rifugio. Non tanto a causa dei bassi tassi di infezione, ma perché sono “paradisi pandemici”. I rifugi pandemici sono un concetto abbastanza vecchio nella gestione del rischio. Potremmo dire che sono luoghi isolati, dove un agente patogeno o una crisi non si è diffusa in modo significativo. Ciò significa che sono vaste aree di terra su cui la popolazione può vivere durante una catastrofe globale.

In generale, il nostro immaginario collettivo pensa che i rifugi siano sempre bunker ad alta tecnologia, che isolano una persona dal resto della civiltà. Tuttavia, non è sempre così. La pandemia e questo studio ci hanno insegnato che anche la nostra casa può essere un buon rifugio pandemico, purché siano soddisfatte due condizioni fondamentali: 1) renderlo un luogo lontano dal fulcro della catastrofe. È inutile che ci rifugiamo vicino a un vulcano in eruzione; 2) avere tutto ciò di cui si ha bisogno per sopravvivere per un po’. Cioè, cibo, acqua, medicine e luce solare.

 

Quante persone possono sopravvivere a una catastrofe globale?

In tutte le catastrofi ci sono sempre vittime umane. Anche durante la pandemia di Covid-19, molte persone sono state contagiate e sono morte nonostante fossero isolate dalle altre. L’estinzione dell’umanità è qualcosa che preoccupa la scienza da generazioni. Ma lungi dall’essere causato da un disastro naturale su larga scala, è più probabile che si verifichi a causa dell’uomo.

Con quasi 8 miliardi di persone che vivono sulla Terra, dipendiamo sempre più dalle risorse naturali per affrontare il cambiamento climatico e tutto ciò che ne deriva. Sfortunatamente, la maggior parte delle risorse sono scarse. Ci sono guerre, armi nucleari e controversie politiche che stanno portando catastrofi in tutto il mondo.

Nemmeno un rifugio pandemico sarà in grado di prevenire tutte le perdite umane che si verificano durante una catastrofe globale. Tuttavia, possono aiutarci a preservare la nostra specie per diversi anni. Quindi il meglio che possiamo fare per sopravvivere in questo momento è costruire un piccolo rifugio per uscire da tutte quelle crisi. Oppure recati in un'”isola rifugio” per condividere le nostre vite con migliaia di esseri umani che fuggono anche da catastrofi globali.