cavo-usb-c
Image by Denys Vitali from Pixabay

Qualcosa di cui siamo certi è: i sistemi operativi dovrebbero dirci di più sui cavi USB-C e sulle loro capacità di connetterci ai nostri dispositivi. Tuttavia, è vero che lo standard USB-C è sempre stato venduto come la porta migliore. Questo è considerato universale a causa della forma, ma non per le sue capacità. Lo diciamo perché una porta e un cavo USB-C potrebbero variare notevolmente.

È molto difficile distinguere un cavo USB-C da un altro. Alcuni esperti affermano che ci sono anche troppo pochi indicatori visivi per quello che può fare un cavo USB-C: può caricare, trasferire dati, audio o video?

Si tratta di qualcosa che potrebbe essere migliorato. E quel software può anche svolgere un ruolo importante nell’aiutare a riconoscere le caratteristiche del cavo USB-C. Fortunatamente, Google sta mostrando una nuova strada da seguire grazie a un nuovo trucco e ne parleremo dopo.

Google ha annunciato una nuova funzionalità in ChromeOS 102 che aiuterà a identificare i cavi USB-C non supportati.

Funzionerà come segue:

  • Se utilizzi un Chromebook, vedrai un popup se colleghi un cavo USB-C che non è compatibile con i monitor o ha una velocità di trasferimento dati inferiore rispetto al tuo dispositivo.
  • La funzione sarà disponibile per i Chromebook con CPU Intel Core di 11a o 12a generazione con funzionalità USB4 o Thunderbolt. A breve è previsto più supporto per altri dispositivi.
  • Questa è la serie attuale di avvisi che presenta: “Il cavo potrebbe non supportare la visualizzazione“, “Il cavo non supporta UBS4/Thunderbolt” e “Il tuo dispositivo supporta una velocità dati superiore al tuo cavo“.
  • Si noti che questo risolve solo il problema degli errori silenziosi. E ci sono momenti in cui collegherai un cavo USB-C e il tuo dispositivo non funzionerà come dovrebbe. Nonostante questo, non c’è modo di sapere se il cavo USB è il colpevole. La nuova funzionalità di Chrome OS suggerisce solo leggermente cosa potrebbe essere sbagliato.

 

Mancanza di informazioni a livello di sistema

Google, Microsoft e Apple stanno lavorando su funzionalità simili per Android, Windows, Mac e iOS?

Microsoft ha una pagina che aiuta a risolvere i problemi del cavo USB-C, ma la notifica in Windows 10 e Windows 11 è generica e dice sempre che c’è “qualcosa” che non va nel cavo USB. Al momento, non si sa nulla di Apple e Google.

Benson Leung, un ingegnere di Google, sottolinea che nella funzione Chrome OS c’è una lacuna nei messaggi a livello di sistema operativo sui cavi USB-C. USB-IF, l’organizzazione che mantiene lo standard USB, ha cercato di rendere i cavi facili da identificare con i loghi. Nonostante ciò, molti produttori non mostrano alcun tipo di indicatore sulla confezione o sui dispositivi.

Quindi è difficile sapere se un cavo USB-C sostitutivo supporterà determinate velocità dati o display. Sarebbe diverso se i sistemi operativi potessero mostrarci informazioni su questi cavi tramite finestre o applicazioni pop-up. Pensiamo che questo sarebbe sicuramente più facile per tutti. Soprattutto quando si selezionano cavi con determinate specifiche in un negozio o online.