Covid-19 infezione
Foto di marcello migliosi form PxHere

Secondo un nuovo studio, l’immunità naturale indotta dal Covid-19 fornisce un potente scudo contro una nuova reinfezione con le nuove varianti Omicron per più di 16 mesi. Purtroppo questa protezione è destinata a svanire nel tempo, ma l’immunità innescata da una passata infezione contrasta lo sviluppo di gravi sintomi della malattia e questa protezione non mostra segni di declino.

Lo studio inoltre suggerisce che sebbene il mondo continuerà ad avere ondate d’infezione di Covid-19, ma non porterà a un sovraccarico degli ospedali di persone con la malattia. Lo studio è stato pubblicato il 7 luglio e non è stato sottoposto a revisione, ma tutto sommato sembrerebbe essere uno studio davvero solido. I dati hanno un senso e sono in linea con molti altri studi e lavori precedenti di questo gruppo.

 

Coid-19, un’infezione può proteggere da una futura reinfezione, ma non per sempre

Ovviamente i ricercatori suggeriscono che non è detto che è bene che le persone saltino la vaccinazione. Uno studio separato ha mostrato che le persone con l’immunità naturale e con quella innescata dal vaccino sono più protette contro il virus, rispetto le persone che avevano solo una delle due immunità. Gli studi sull’efficacia dei vaccini Covid-19 suggeriscono che la protezione contro il virus svanisce con il tempo, diminuendo di molto dopo sei mesi. Per conoscere meglio il decorso dell’immunità naturale, il team di ricercatori ha analizzato i dati in Qatar da febbraio 2020 a giugno 2022.

I ricercatori hanno confrontato i casi di Covid-19 in individui non vaccinati che avevano avuto una precedente infezione da SARS-CoV-2 con casi in persone non vaccinate che non avevano mai contratto il virus in precedenza. Hanno scoperto che l’infezione con una variante pre-Omicron ha impedito la reinfezione da un’altra variante pre-Omicron con un’efficacia media dell’85,5% per il periodo che va dal 4° al 16° mese successivo all’infezione iniziale. L’efficacia ha raggiunto il picco del 90,5% nel 7° mese dopo la prima infezione ed è scesa a circa il 70% a 16 mesi. Estrapolando questa tendenza, gli autori prevedono che l’efficacia contro la reinfezione scenderà a meno del 10% 32 mesi dopo la prima infezione.

L’infezione da pre-Omicron è stata efficace solo per il 38% nel prevenire l’infezione da una variante di Omicron nei primi 6 mesi dopo la comparsa di questa variante. La modellazione suggerisce che il numero scenderà al 10% a 15 mesi. Tuttavia, l’infezione con qualsiasi variante di SARS-CoV-2 è altamente efficace nel combattere Covid-19 grave, critico o fatale dopo la reinfezione: l’efficacia è stata di circa il 100% fino al 14° mese dopo l’infezione primaria e non ha mostrato segni di declino.

Foto di marcello migliosi form PxHere