vaiolo-delle-scimmie-emergenza
Image by Gerd Altmann from Pixabay

Alla fine, dopo settimane di analisi dei dati relativi al numero di casi al di fuori dell’Africa, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che il vaiolo delle scimmie un’emergenza sanitaria globale. Al momento si parla di più di 17.000 casi sparsi per il mondo, appunto, tra cui anche alcuni bambini. Un cambio di rotta rispetto dovuto proprio all’aumento dei numeri.

 

Vaiolo delle scimmie: emergenza sanitaria globale

Le parole degli esperti sanitari: “La valutazione dell’OMS è che il rischio di vaiolo delle scimmie è moderato a livello globale e in tutte le regioni, tranne che nella regione europea dove valutiamo il rischio come alto. I casi sono concentrata tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini, in particolare quelli con più partner sessuali e quindi può essere fermato con le giuste strategie nei gruppi giusti”.

Secondo i dati, il vaiolo delle scimmie ha colpito nel 98% dei casi uomini gay, o bisessuali. Almeno un terzo di questi sembra aver visitato eventi di natura sessuale. Ci sono anche casi di semplice convivenza, come nei casi dei bambini sopracitati. Di fatto la trasmissione può avvenire in diversi modi, come tramite contatto diretto con fluidi corporei o con oggetti che sono venuti in contatto direttamente coi suddetti, come lenzuola sporche.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, lavorare proprio sui gruppi più a rischio può evitare di trasformare questa epidemia in qualcosa di più pericoloso. Si parla di vaccini, ma al momento non c’è uno specifico per il vaiolo delle scimmie. Quello del virus generale è dimostrato di essere abbastanza efficace, ma si parla anche di crearne uno specifico.