caldo record onde calore
Foto di jplenio da Pixabay

Quando le letture meteorologiche sono apparse davvero sorprendenti gli esperti pensavano di trovarsi davanti ad un errore. Invece no quello che stavano vedendo era davvero qualcosa di unico; a Marzo i poli Nord e Sud hanno registrato davvero temperature record che durante i mesi si sono spostate in tutto il mondo. Indurre un’ondata di caldo a un polo può essere considerato un avvertimento; le ondate di calore a entrambi i poli contemporaneamente iniziano a sembrare molto simili a una catastrofe climatica.

La primavera è stata più simile a quella di mezza estate negli Stati Uniti, con temperature in aumento in tutto il paese a maggio. La Spagna ha visto il mercurio raggiungere i 40°C all’inizio di giugno quando un’ondata di caldo ha colpito l’Europa, colpendo il Regno Unito la scorsa settimana. Gli scienziati sono stati in grado di dimostrare che queste ondate di colore non sono qualcosa di naturale e molto spesso la causa principale è l’influenza umana sul clima.

 

Ondate di calore, cosa sta succedendo? Come mai questo caldo da record?

Il cambiamento climatico sta rendendo le ondate di caldo più calde e durano più a lungo in tutto il mondo. Gli scienziati hanno dimostrato che molte ondate di calore specifiche sono più intense a causa del cambiamento climatico indotto dall’uomo. Il segnale è rilevabile anche nel numero di decessi attribuiti alle ondate di caldo. È un vero punto di svolta quando si tratta di ondate di caldo: sono aumentate in frequenza, intensità e durata in tutto il mondo. Questo calore rappresenta una seria minaccia per la nostra salute umana poiché sottopone i nostri corpi a forte stress.

Ciò danneggia anche i raccolti, provocando incendi e cosi danneggiare l’ambiente. La comunità globale deve impegnarsi per un raffreddamento sostenibile, o rischiare di bloccare il mondo in un ciclo di feedback mortale, in cui la domanda di energia per il raffreddamento determina ulteriori emissioni di gas serra e risultati in un riscaldamento globale ancora maggiore. Quelle che stiamo vivendo sono ondate di caldo che saranno sempre più violente e frequenti, in un contesto di surriscaldamento globale che si è già attestato su un aumento delle temperature di almeno 1,2° centigradi rispetto alla media del periodo preindustriale.

Ci sono modi per ridurre gli impatti per gli individui e per adattare le nostre città . Dipingere i tetti di bianco nei paesi caldi per riflettere i raggi del sole, coltivare edera sui muri nelle regioni più temperate, piantare alberi per fare ombra, fontane e più aree verdi nelle città possono aiutare. Misure di adattamento più pesanti includono la modifica dei materiali che utilizziamo per edifici, reti di trasporto e altre infrastrutture vitali, per impedire che le finestre cadano dai loro telai, che le strade si sciolgano per il caldo e che le rotaie si deformino. Tuttavia ciò che è importante e ciò che deve cambiare sono le nostre abitudini per un pianeta ecologico.

Foto di jplenio da Pixabay