HIV paziente malattia
Foto di Darwin Laganzon da Pixabay

Un uomo di 66 anni che ha vissuto con l’HIV dal 1980 sembrerebbe essere guarito dalla malattia. Ad oggi sembrerebbe essere il quarto paziente guarito da questo virus. Questo uomo, che non vuole essere identificato, ha smesso di assumere i farmaci specifici per l’HIV e si sente grado per quanto gli è successo. Gli è stato fatto un trapianto di midollo osseo per una leucemia da cancro da sangue da un donatore che è resistente a questa malattia.

L’uomo è conosciuto come il paziente della “Città della Speranza” dall’ospedale in cui è stato curato a Duarte, in California. Molti dei suoi amici sono morti di HIV nell’era prima che i farmaci antiretrovirali potessero dare alle persone un’aspettativa di vita quasi normale. Questo virus danneggia il nostro sistema immunitario, che può portare all’AIDS e al corpo che lotta contro questa infiammazione.

 

HIV, il quarto paziente guarito dalla malattia

L’uomo intervistato ha dichiarato che da quando gli hanno diagnosticato la malattia ha sempre pensato di poter morire e di non aver mai avuto la possibilità di guarire da questo virus. Tuttavia, gli è stata somministrata la terapia non per il suo HIV, ma perché ha sviluppato la leucemia da cancro del sangue all’età di 63 anni. Il team medico dell’uomo ha deciso che aveva bisogno di un trapianto di midollo osseo per sostituire i suoi globuli cancerosi. Per coincidenza, il donatore era resistente all’HIV.

Il virus entra nei globuli bianchi del nostro corpo utilizzando una porta microscopica, una proteina chiamata CCR5. Tuttavia, alcune persone, incluso il donatore, hanno mutazioni CCR5 che bloccano la porta e tengono fuori l’HIV. Il paziente è stato monitorato dopo il trapianto e i livelli della malattia sono scesi, scomparendo del tutto. Ora è in remissione da più di 17 mesi. La prima volta che ciò è accaduto è stato nel 2011 quando Timothy Ray Brown, noto come il paziente di Berlino, è diventato la prima persona al mondo a essere curata dall’HIV. Ora ci sono stati tre casi simili negli ultimi tre anni.

Il quarto paziente è il più anziano ad aver ricevuto questo trattamento e anche ad essere il paziente malato da più tempo. Tuttavia, i trapianti di midollo osseo non rivoluzioneranno il trattamento dell’HIV per i 38 milioni di persone nel mondo attualmente infette. È una procedura complessa con potenziali effetti collaterali significativi. Quindi, non è davvero un’opzione adatta per la maggior parte delle persone che vivono con l’HIV. i ricercatori stanno cercando modi per prendere di mira la porta CCR5 utilizzando la terapia genica come potenziale trattamento. Il caso è stato segnalato alla conferenza sull’AIDS 2022 a Montreal, in Canada.

Foto di Darwin Laganzon da Pixabay