Realme GT neo 3T

Realme GT Neo 3T Dragon Ball Z Edition è, come potete benissimo intuire dal nome, la versione speciale di uno degli smartphone di fascia media più richiesti del periodo, quale è il GT Neo 3T. Le differenze rispetto alla variante originaria sono puramente estetiche, per il resto è esattamente lo stesso dispositivo, ma come si comporta? scopriamolo assieme nella recensione completa.

 

Design e Estetica

Il prodotto si distingue sin da subito per il design iconico, dato il suo essere la Dragon Ball Z Edition, cattura l’attenzione dell’utente con colori sgargianti e immediatamente riconoscibili, nonché una bella scritta Realme (con kanji di Goku appena sotto), senza risultare troppo kitsch. La colorazione richiama, gli amanti del genere l’avranno riconosciuta, la tinta della tuta di addestramento di Goku, la back cover è interamente realizzata in plastica opaca, non trattiene le impronte, né si sporca troppo facilmente. Il modulo delle fotocamere è leggermente in rilievo, ma se poggiato su un piano di lavoro non trema poi così tanto.

Dimensionalmente parlando, il Realme GT Neo 3T Dragon Ball Z Edition è uno smartphone che rientra nella media dei terminali in vendita nel periodo, in particolare raggiunge 162,9 x 75,8 x 8,65 millimetri, con un peso di 194,5 grammi. Ottima l’ergonomia, se utilizzato con mani bagnate non scivola, né va comunque ad appesantire in modo eccessivo il trasporto stesso.

Il frame è anch’esso opaco e riprende le medesime colorazioni della back cover, sul lato sinistro troviamo i pulsanti per il volume ed il carrellino per la SIM, sul destro accensione/spegnimento, mentre inferiormente spiccano la USB type-C 2.0 e l’altoparlante fisico.

 

Hardware e Specifiche

Il display è un componente da 6,62 pollici di diagonale, AMOLED con risoluzione FullHD+ 1080 x 2400 pixel, 397 ppi, protezione Gorilla Glass 5, nonché un ottimo rapporto schermo/corpo, pari al 92,60%. La resa è ottima, il dettaglio e la definizione sono di fascia nettamente superiore, meno la nitidezza, ma nel complesso lo possiamo ritenere più che adeguato per la fascia di prezzo di posizionamento. Le cornici sono minime, il pannello occupa quasi interamente la parte anteriore, ed è sicuramente un bene per l’utilizzatore finale (non essendo curvo). La luminosità massima (pari a 1300 nit). è più che sufficiente per un utilizzo sotto la luce solare diretta, la regolazione automatica non delude.

Ciò che rende migliore il pannello in sé è il refresh rate fino a 120Hz, soluzione ideale per fornire la maggiore fluidità possibile, anche regolabile dinamicamente senza l’intervento manuale dell’utente. I colori sono molto precisi, con una gamma dinamica sufficientemente ampia, dato il supporto al 100% dello spazio colore DC-P3, ed al 106% di NTSC.

Il processore non è il più recente, parliamo di Qualcomm Snapdragon 870, con frequenza di clock a 3,2GHz e processo produttivo a 7 nanometri, affiancato da una GPU Adreno 650. La configurazione prevede 8GB di RAM LPDDR4x e 128/256GB di memoria interna UFS 3.1 (espandibile tramite microSD); come dicevamo, nonostante non sia il più recente in assoluto, riesce ancora oggi a fornire prestazioni eccellenti, quasi da top di gamma, senza scaldare eccessivamente nella parte posteriore (grazie al raffreddamento a camera di vapore).

Lo sblocco del terminale può avvenire in due modi, sfruttando il sensore per le impronte digitali sotto il display, o il riconoscimento del viso 2D; in entrambi i casi l’accesso al sistema è molto rapido, non abbiamo notato rallentamenti o difficoltà di alcun tipo in confronto agli altri modelli attualmente in commercio. Il Realme GT Neo 3T Dragon Ball Z Edition non è impermeabile, è uno smartphone 5G con connettività WiFi 6 dual-band, bluetooth 5.2, chip NFC e GPS. Manca il jack da 3,5mm, mentre è presente la USB type-C 2.0 (no uscita video).

L’audio è stereo, vengono sfruttati sia lo speaker altoparlante che la capsula auricolare, il volume massimo è sufficiente per un ambiente da 20/25 metri quadrati, la resa generale è in linea con la fascia di prezzo, i bassi sono poco corposi, mentre il dettaglio è più che discreto.

 

Fotocamera, sistema operativo e batteria

Il comparto fotografico di Realme GT Neo 3T Dragon Ball Z Edition è garantito da 3 sensori differenti, un principale da 64 megapixel con apertura F1.79, angolo di visuale di 80,5 gradi e lunghezza focale 25,2 millimetri, un ultra-grandangolare da 8 megapixel, apertura F2.25, angolo di visuale di 119 gradi e lunghezza focale 15,7 millimetri, per finire con una macro da 4 centimetri da 2 megapixel.

In condizioni di forte luminosità gli scatti sono ottimi, con dettagli e nitidezza di buon livello generale. Buona la calibrazione dei colori, con contrasto saturazione fedeli alla scena effettivamente inquadrata, le tonalità non sono mai troppo marcate. La gestione delle forti luci non presenta difetti di sorta, forse troppo distacco con la fotocamera grandangolare. Nel complesso una resa perfettamente allineata con la fascia di prezzo.

Riducendo la luce il discorso non cambia troppo, il rumore digitale tarda ad arrivare, i dettagli restano buoni fino ad ISO particolarmente elevati, mentre i colori sono leggermente più spenti. Il micro-mosso è difficile vederlo, sebbene la stabilizzazione sia elettronica, la gestione delle forti luci non presenta difetti, come anche il bilanciamento del bianco; la modalità notturna è presente, migliora la scena, senza però raggiungere livelli stratosferici.

video vengono registrati al massimo in 4K a 60fps, l’autofocus è molto buono in ogni condizione di luce, la stabilizzazione un po’ meno. Senza attivare l’ultra-stabilizzazione, quindi con riduzione in FullHD, è abbastanza complicato pensare di registrare video camminando, ottenendoli il più stabile possibile.

Anteriormente è stato posizionato un sensore da 5 megapixel, con apertura F2.45, angolo di visuale di 78 gradi, e registrazione massima in FullHD. La sua resa è allineata con la fascia di prezzo, buoni dettagli, colori e definizione; nella maggior parte dei casi la nitidezza non delude, se non con una sorgente luminosa in pieno viso.

Il sistema operativo è Android 12, con personalizzazione grafica Realme UI 3.0, e patch di sicurezza aggiornate a Maggio 2022. La Dragon Ball Z Edition consiste più che altro in una custom boot a tema, con interfaccia ed icone personalizzate, nonché temi da applicare direttamente (sono purtroppo solo 3 e sono statici). Per il resto è la classica, ed ottima, Realme UI già vista in passato, quindi molto fluida, praticamente esente da lag, e con alcune funzioni da non perdere di vista: accesso rapido a funzioni tramite il sensore per le impronte, menù laterale, assistente Google sul tasto di accensione/spegnimento, gestures, always on display e similari.

La batteria è un componente da 5000mAh, con ricarica rapida a 80 watt, senza supporto alla ricarica wireless o inversa. Lo Snapdragon 870 si è dimostrato abbastanza energivoro, infatti l’autonomia è relativamente ridotta, molto spesso non siamo riusciti a superare le 3 ore di display attivo, obbligandoci a ricaricare il terminale praticamente tutte le sere (non prima).

 

Realme GT Neo 3T Dragon Ball Z Edition: conclusioni

In conclusione il Realme GT Neo 3T Dragon Ball Z Edition è uno smartphone da consigliare agli amanti ed appassionati di Dragon Ball, il design e l’estetica sono a tutti gli effetti i due fiori all’occhiello del prodotto, pronto a distinguersi dalla massa, con una leggera personalizzazione software. Per il resto è l’ottimo GT Neo 3T, dotato di un display di alto livello, un processore performante ed un buon comparto fotografico.

Gli unici due aspetti negativi riguardano l’assenza del jack da 3,5mm, e forse una autonomia che poteva essere migliore.

Realme GT Neo 3T Dragon Ball Z Edition

499 euro
8

Estetica e Design

8.5/10

Display

8.5/10

Processore

8.0/10

Fotocamera

8.0/10

Batteria

7.0/10

Pros

  • Display di alto livello
  • Performance ottime
  • Fotocamera allineata con il prezzo
  • Esteticamente è bellissimo

Cons

  • Autonomia migliorabile
  • Manca il jack da 3,5mm