oceano robot
Foto di S. Hermann & F. Richter da Pixabay

L’Oceano è un luogo pieno di misteri che ancora oggi rimangono sconosciuti tanto da suggerire innumerevoli leggende, che ancora vivono nelle nostre tradizioni. Non possiamo fare a meno di interrogarci sui segreti nascosti dai naufragi e dai manufatti perduti sparsi sul fondo dell’oceano. Tuttavia questi siti sono nascosti in profondità sotto le onde che gli esseri umani in genere non possono raggiungere.

Tuttavia, un esploratore si sta avventurando in luoghi in cui nessun essere umano è mai stato. A prima vista può sembrare veramente un umano subacqueo che sta esplorando le acque profonde dell’oceano, ma non è cosi. Un gruppo di ricercatori della Stanford ha progettato un robot per esplorare i fondali marini e riportare alla luce oggetti, relitti e città perdute. Quest’anno il robot umanoide ha superato un’ulteriore sfida, raggiungendo oltre gli 850 metri sotto la superficie dell’oceano. Ha mani in grado di cullare manufatti inestimabili e portarli in superficie e occhi stereoscopici che catturano il mondo degli abissi a colori.

 

Un robot esplora l’oceano per trovare relitti e città perdute

Un’altra caratteristica che rende il robot ancora più speciale è un sistema di feedback basato sul tocco. Questa interattività consente ai suoi operatori di sentire tutto ciò che potrebbero sperimentare se si stessero immergendo. A giugno un gruppo di volontari ha trovato più di 20 pezzi di legno in una grotta al largo della costa dell’Oregon. I legni appartenevano al naufragio del 1693 del Santo Cristo de Burgos. Il galeone spagnolo non era carico di tesori, ma le tradizioni locali e il misterioso destino della nave sono diventate leggendarie nel tempo.

Questa è la prima volta che un robot è stato in grado di andare a una tale profondità, interagire con l’ambiente e consentire all’operatore umano di sentire quell’ambiente. È stato un viaggio incredibile. L’ultima immersione è stata a 852 m dove, durante una pausa per un controllo del propulsore, il team ha scoperto, in modo preoccupante, che il robot non era in grado di risalire. OceanOne K era completamente funzionante, ma i galleggianti attorno alla linea di comunicazione e di alimentazione che si collegavano alla parte superiore erano crollati, lasciando la linea lunga e pesante ammucchiata sopra il robot. Tirando il gioco, sono stati in grado di continuare l’immersione.

Il progetto OceanOne non solo incarna innovazioni avanzate in tattile, robotica subacquea e interazione uomo-robot, ma anche nuove opportunità per le attività di scienze marine e ingegneria subacquea, come l’ispezione e la riparazione di barche e infrastrutture, inclusi pontili e condotte sommerse. Altre spedizioni sono pianificate in una varietà di località in tutto il mondo, comprese città perdute sepolte all’interno di laghi profondi, barriere coralline e relitti archeologicamente significativi a profondità così ben oltre la portata umana che OceanOne K rappresenta un’opportunità unica per comprendere il passato.

Foto di S. Hermann & F. Richter da Pixabay