salute intestino dolcificante
Foto di congerdesign da Pixabay

Dalla grande domanda di bibite, prodotti da forno e caramelle si deduce che alla maggior parte di noi piacciano i dolci. Tuttavia sappiamo ampiamente che assumere troppi zuccheri comporta alcuni problemi di salute e proprio per questo molti usufruiscono dei dolcificanti per avere sempre il gusto dello zucchero, ma assumere meno calorie. Sebbene siano considerati sicuri per il consumo umano, studi su animali e esseri umani suggeriscono che alcuni di essi possono stimolare l’appetito, portando a un aumento del consumo di cibo e all’aumento di peso, oltre ad altri effetti negativi sulla salute.

Proprio per questo i ricercatori si sono diretti verso gli studi di sostanze ipocaloriche o dolcificanti di origine naturale come possibili sostituti. Ad esempio, i galattooligosaccaridi, presenti nel latte dei mammiferi, sono zuccheri a basso contenuto calorico con attività prebiotica che possono essere una fonte di energia per i microbi intestinali benefici, ma non sono abbastanza dolci da sostituire lo zucchero.

 

Intestino, un dolcificante a basso contenuto calorico può migliorarne la salute

I ricercatori hanno iniziato con lattosio e mogroside V. Quando hanno aggiunto gli enzimi β -galattosidasi, i ricercatori hanno ottenuto una miscela che conteneva principalmente galattoligosaccaridi e una piccola quantità di mogrosidi modificati. Un gruppo sensoriale addestrato ha riferito che la nuova combinazione aveva una dolcezza simile a quella del saccarosio, suggerendo che potrebbe essere accettabile per i consumatori.

Negli esperimenti questa nuova miscela ha aumentato i livelli di microbi intestinali buoni, inclusi Bifidobacterium e Lactobacillusspecie batteriche. Inoltre, l’aumento dei metaboliti prodotti dai batteri, come acetato, propionato e butirrato, ha indicato che la miscela potrebbe potenzialmente avere un effetto prebiotico sul microbioma intestinale.  I ricercatori hanno affermato che questo nuovo dolcificante è davvero promettente in queste prime analisi iniziali. Ora il prossimo passo sarà quello di studiare più da vicino l’impatto che la miscela può avere sulla salute dell’intestino umano.

Foto di congerdesign da Pixabay