spazio cratere asteroide dinosauri
Foto di WikiImages da Pixabay

Il fondale marino solitamente è meno esplorato di quello di Marte, ma quando un gruppo di ricercatori hanno iniziato ad indagare hanno scoperto quello che sembra essere un cratere da impatto d’asteroide. Questo cratere, chiamato Nadir, dal vicino vulcano omonimo, sembrerebbe avere la stessa età dell’impatto di Chicxulub causato da un enorme asteroide alla fine del periodo Cretaceo, circa 66 milioni di anni fa, che spazzò via i dinosauri e molte altre specie.

Questa scoperta suscita la domanda su se il cratere possa essere correlato a questo vecchio evento. Se confermato, sarebbe anche di enorme interesse scientifico generale in quanto sarebbe uno dei pochissimi impatti conosciuti di asteroidi marini e quindi fornirebbe nuove informazioni uniche su ciò che accade durante una tale collisione. Il cratere è stato identificato attraverso la riflessione sismica, una tecnica simile ai dati degli ultrasuoni, inviando onde di pressione attraverso l’oceano e il suo fondo e rilevando l’energia che viene riflessa indietro. Questi dati consentono a geofisici e geologi di ricostruire l’architettura delle rocce e dei sedimenti.

 

Spazio, il cratere misterioso potrebbe essere collegato all’asteroide che uccise i dinosauri

Tra i sedimenti piatti e stratificati dell’altopiano della Guinea, a ovest dell’Africa, c’era quello che sembrava essere un grande cratere, largo poco meno di 10 km e profondo diverse centinaia di metri, sepolto sotto diverse centinaia di metri di sedimento. Molte delle sue caratteristiche sono coerenti con un’origine dell’impatto, inclusa la scala del cratere, il rapporto tra altezza e larghezza e l’altezza del bordo del cratere. I ricercatori hanno pensato a altri scenari plausibili per spiegare la presenza di questo cratere, ma nessuna ipotesi è coerente con la geologia del luogo e la geometria del cratere.

Dopo averlo identificato i ricercatori hanno ideato modelli computerizzati per replicare un possibile impatto e capire se potesse creare un cratere di queste dimensioni. La simulazione che meglio si adatta alla forma del cratere è per un asteroide di 400 metri di diametro che colpisce un oceano profondo 800 metri. Le conseguenze di un impatto nell’oceano a tali profondità d’acqua sono drammatiche. Risulterebbe in una colonna d’acqua spessa 800 metri, così come l’asteroide e un volume sostanziale di sedimenti verrebbero immediatamente vaporizzati, con una grande palla di fuoco visibile a centinaia di chilometri di distanza.

Perché hanno la stessa età?

Le onde d’urto dell’impatto sarebbero equivalenti a un terremoto di magnitudo 6,5 o 7, che probabilmente provocherebbe frane sottomarine intorno alla regione. Si formerebbe un treno di onde di tsunami. L’esplosione d’aria dell’esplosione sarebbe stata più grande di qualsiasi cosa sentita sulla Terra nella storia registrata. L’energia rilasciata sarebbe circa mille volte maggiore di quella della recente eruzione di Tonga. Uno degli aspetti più intriganti di questo cratere è che ha la stessa età dell’evento gigante Chicxulub, dare o prendere un milione di anni, al confine tra il Cretaceo e il Paleogene 66 milioni di anni fa. Esistono tre idee sulla loro possibile relazione; il primo è che potrebbero essersi formati dalla rottura di un asteroide genitore, con il frammento più grande risultante nell’evento Chicxulub e un frammento più piccolo che forma il cratere Nadir.

In tal caso, gli effetti dannosi dell’impatto di Chicxulub potrebbero essere stati aggiunti dall’impatto di Nadir, esacerbando la gravità dell’evento di estinzione di massa. Un’altra possibilità è che Nadir facesse parte di un “ammasso di impatto” più longevo, formato da una collisione nella cintura di asteroidi all’inizio della storia del sistema solare. Questa collisione potrebbe aver inviato una pioggia di asteroidi nel sistema solare interno, che potrebbe essersi scontrato con la Terra e altri pianeti interni per un periodo di tempo più lungo, forse un milione di anni o più. Per ora, tuttavia, non possiamo affermare in modo definitivo che il cratere Nadir sia stato formato dall’impatto di un asteroide fino a quando non si recupereranno fisicamente campioni dal fondo del cratere e identificheranno minerali che possono essere formati solo da pressioni d’urto estreme.

Foto di WikiImages da Pixabay