Long Covid anomalie sangue
Foto di allinonemovie da Pixabay

Oltre i molti sintomi che il Covid-19 ha lasciato, denominandoli come Long Covid, sembrerebbe che le persone affette abbiano riscontrato alcune anomalie nel sangue. Gli indizi si aggiungono a un corpo di prove che suggeriscono i fattori determinanti della condizione e potenziali trattamenti che vale la pena testare. Suggeriscono inoltre che, come sospettato da molti scienziati e pazienti, il Long Covid condivide alcune caratteristiche con l’encefalomielite mialgica/sindrome da stanchezza cronica, un’altra condizione che si pensa segua un’infezione.

Il recente studio ha analizzato solo 99 persone affette dal Long Covid, sembrando un piccolo studio, ma è penetrato più nel profondo, negli aspetti granulari dei linfociti T e della risposta anticorporale. Al momento è tutto esplorativo, ma è una base per studi ancora più grandi. I pazienti di Long Covid, la maggior parte dei quali alle prese con affaticamento intenso, nebbia cerebrale e altri sintomi, avevano bassi livelli di cortisolo, un ormone dello stress che aiuta il corpo a controllare l’infiammazione, il glucosio, i cicli del sonno e altro ancora.

 

Long Covid, le persone infette hanno anomalie nel sangue

Le caratteristiche delle loro cellule T indicavano che il loro sistema immunitario stava combattendo contro invasori non identificati, forse un serbatoio di SARS-CoV-2 o un agente patogeno riattivato come il virus di Epstein-Barr. Altri gruppi che hanno effettuato studi paralleli sul Long Covid hanno riportato risultati simili. Un articolo sulle cellule ha documentato un basso livello di cortisolo nei pazienti con sintomi respiratori di lunga durata e la riattivazione di alcuni virus soprattutto nei pazienti con problemi neurologici. Nel complesso questi risultati fanno pensare alle molteplici possibilità di sviluppare i farmaci, come gli anticorpi diretti al virus o antinfiammatori diretti al sistema immunitario.

Esaminando e mettendo in paragone i pazienti con la condizione e persone sane, i ricercatori hanno scoperto che nessuno è guarito completamente dal Covid-19. Molti dei volontari si sono definiti guariti, ma poi hanno confessato alcuni sintomi Long Covid e alla fine hanno ritenuto 39 persone guarite completamente su 116. I bassi livelli di cortisolo nei pazienti Long Covid, circa la metà dei livelli normali, non sono una sorpresa totale: sintomi come affaticamento e debolezza muscolare sono associati a una minore quantità di ormone. La causa rimane un mistero. L’ACTH, un ormone prodotto dalla ghiandola pituitaria che controlla la produzione di cortisolo, era a livelli normali nel gruppo Long Covid.

Riattivazione dei virus dormienti

I campioni di sangue di Long Covid erano anche inondati di una categoria di cellule T “esaurite” che possono essere riconosciute da determinati marcatori che esprimono. Tali cellule aumentano in presenza di agenti patogeni, suggerendo che i corpi delle persone con Long Covid stanno attivamente combattendo qualcosa. Questa battaglia produrrebbe un’infiammazione cronica, che corrisponde a molti sintomi di Long Covid. Misurando i livelli di anticorpi contro le proteine ​​virali rilasciate nel sangue, lo studio ha anche rilevato la riattivazione del virus Epstein-Barr e di altri herpesvirus i cui geni possono rimanere dormienti all’interno delle cellule infette per lunghi periodi.

Il grado di esaurimento dei linfociti T sembrava essere collegato alla riattivazione del virus di Epstein-Barr, anche se non considera quel virus l’unico potenziale colpevole. SARS-CoV-2 potrebbe persistere anche nei pazienti di Long Covid, dicono lei e altri. La riattivazione di Epstein-Barr, il basso cortisolo e l’esaurimento dei linfociti T si sono manifestati in alcuni pazienti con ME/CFS. È tempo di andare avanti con nuovi studi di potenziali terapie, che potrebbero anche chiarire le cause di Long Covid e se è più probabile che sottogruppi di pazienti rispondano a determinati interventi.

La lista dei desideri della terapia sperimentale è lunga e prevede l’integrazione di cortisolo; Terapia mirata al virus di Epstein-Barr; il farmaco antivirale Paxlovid, ora utilizzato per il COVID-19 acuto; e persino terapie che riducono le cellule B, che vengono utilizzate per curare le malattie autoimmuni e calmare il sistema immunitario.

Foto di allinonemovie da Pixabay