sigarette-elettroniche
Photo by CDC on Unsplash

I cosiddetti vaporizzatori per il benessere stanno diventando sempre più popolari. A differenza di quelli normali, che contengono nicotina, questi prodotti contengono vitamine, ormoni o oli essenziali. Ma sono giunti all’attenzione della Food and Drug Administration (FDA) statunitense a causa di indicazioni sulla salute non provate fatte da molte delle aziende che li vendono.

Conosciuti anche come “diffusori di integratori alimentari”, coprono una gamma di prodotti che trovano un’origine comune nelle sigarette elettroniche. Le sigarette elettroniche forniscono nicotina ai polmoni senza bisogno di combustione o tabacco. Questo rimuove alcuni componenti dannosi come il catrame di tabacco. Invece della combustione, le sigarette elettroniche utilizzano l’alimentazione della batteria per riscaldare l’e-liquid, che forma un vapore che può essere inalato.

Una nuova ondata di prodotti mira a utilizzare questo stesso sistema di somministrazione per via inalatoria per un’ampia gamma di prodotti privi di nicotina, comprese le vitamine (B12 e C sono particolarmente apprezzate), cardo mariano, melatonina, tè verde e una varietà di oli essenziali.

Le aziende di vaporizzatori per il benessere affermano che diverse combinazioni di questi additivi possono aiutare nella concentrazione, favorire il sonno e persino aiutare a perdere peso.

L’inalazione anziché la deglutizione di questi composti si traduce in un assorbimento più rapido nel flusso sanguigno, quindi in teoria vitamine e integratori possono agire più rapidamente se inalati.

Molti di questi additivi saranno conosciuti individualmente come integratori classificati come sicuri da assumere. Ma la stragrande maggioranza non dispone di test di sicurezza per inalazione, in particolare per possibili danni a lungo termine. Poiché i vaporizzatori per il benessere non contengono nicotina, sfuggono ai regolatori.

L’incidenza del danno polmonare acuto correlato alla sigaretta elettronica (Evali) negli Stati Uniti nel 2019 evidenzia l’importanza di testare la via di ingestione. Nei 60 decessi di Evali inizialmente segnalati, la vitamina E acetato è stata identificata come un agente chiave che causa danni ai polmoni in queste persone. La vitamina E è un additivo alimentare comune, quindi questo evidenzia chiaramente come anche le sostanze conosciute possano avere conseguenze molto gravi sulla salute se inalate.

Questi dispositivi sono abbastanza nuovi sul mercato, quindi ci sono poche ricerche sulla loro sicurezza. Tuttavia, possiamo considerare componenti specifici per cercare potenziali effetti, benefici o dannosi che siano.

 

Componenti liquidi

Molti composti benigni o benefici possono diventare dannosi se somministrati non testati o somministrati al gruppo sbagliato di pazienti. Ad esempio, i benefici della vitamina C sono universalmente noti, ma è stato dimostrato che l’uso di alte dosi di vitamina C aumenta il rischio di morte nelle persone con sepsi.

La vitamina B12 è anche un additivo popolare per questi dispositivi. Nelle persone carenti di vitamina, una dose di B12 è molto efficace nel ripristinare i livelli. Tuttavia, vi è una chiara mancanza di prove a sostegno di eventuali benefici per le persone con livelli normali di B12 . Inoltre, non abbiamo prove sulla sicurezza o l’efficacia della B12 per via inalatoria.

Uno studio condotto nel 1967 non ha mostrato alcun beneficio dall’inalazione di vitamina B12 rispetto all’integrazione per iniezione. Ma anche nel 1967, i ricercatori sono stati attenti a sottolineare il potenziale danno ai polmoni.

Potremmo anche analizzare le informazioni sui componenti condivise con le sigarette elettroniche per cercare potenziali effetti. Alcuni prodotti forniscono vitamina B12 disciolta in un componente liquido comune, la glicerina vegetale. Altri prodotti utilizzano glicole propilenico o una miscela di entrambi i liquidi. Quando riscaldati, questi componenti si decompongono in sostanze chimiche nocive.

È stato dimostrato che queste sostanze chimiche danneggiano i macrofagi alveolari, importanti cellule immunitarie del polmone, in un modo che non dipende dalla presenza di nicotina. Risultati simili sono stati mostrati anche in altre importanti cellule delle vie aeree e del sistema immunitario.

Anche i vaporizzatori per il benessere che forniscono oli essenziali possono soffrire delle stesse preoccupazioni. Contengono composti chiamati terpeni e una miscela di altre sostanze chimiche simili agli e-liquid. È stato segnalato che i terpeni hanno una serie di benefici, tra cui proprietà antitumorali, antiallergiche e antimicrobiche, suggerendo i potenziali benefici dell’assunzione di questi oli essenziali.

Tuttavia, i terpeni vengono degradati dal calore, quindi possono essere scomposti per vaporizzazione in composti nocivi che possono irritare le vie aeree e possono essere tossici per le cellule a dosi più elevate e con un’esposizione più lunga.

 

Maggiore controllo

Date le somiglianze tra sigarette elettroniche e vaporizzatori per il benessere, queste aziende stanno ora affrontando un maggiore controllo da parte degli organismi di salute pubblica. La FDA ha avvertito che sono “non sicuri”, “inefficaci” e “non provati”.

Dobbiamo valutare attentamente i benefici e i rischi del suo utilizzo. Molti degli integratori di questi dispositivi possono aiutare a migliorare il nostro stile di vita, ma non ci sono prove a sostegno dei benefici dell’inalazione.

Sebbene i vaporizzatori per il benessere non siano in circolazione da abbastanza tempo perché i ricercatori possano conoscere con certezza le conseguenze a lungo termine del loro uso, è noto che l’esposizione a breve termine ai loro componenti danneggia i polmoni. Pertanto, l’uso prolungato può rappresentare un rischio molto serio.