spazio mondo oceanico Terra
Foto di Valentin da Pixabay

Il lavoro del TESS della NASA è davvero qualcosa di epico e surreale. Dobbiamo immaginare di tornare indietro nel tempo e poi spiegare che dei futuri scienziati utilizzeranno dei mezzi che saranno in grado di scoprire nuovi pianeti, detti anche esopianeti, che fluttuano oltre ciò che noi umani possiamo comprendere. Dal 2018 questo strumento spaziale ha trovato migliaia di esopianeti.

In questi giorni gli scienziati ne hanno scoperto uno davvero importante che potrebbe essere coperto da l’acqua. Questo possibile “mondo oceanico” vive a circa 100 anni luce dalla Terra, in orbita all’interno di un sistema stellare binario annidato nella costellazione del Draco. Chiamato TOI-1452 b, si sospetta che sia circa il 70% più grande del nostro pianeta, che sia circa cinque volte più massiccio, che ruoti al ritmo di sette giorni terrestri e che abbia una temperatura né troppo calda né troppo fredda per l’acqua liquida esistere sulla sua superficie.

 

Spazio, un nuovo mondo oceanico scoperto a 100 anni luce dalla Terra

Tuttavia la sua densità sembra essere coerente con la possibilità di avere un oceano profondo al suo interno o si tratta di una roccia con una poca o quasi assenza di atmosfera con idrogeno e elio. Questo è uno dei miglior candidati per un pianeta oceanico fino ad oggi. Il suo raggio e la sua massa suggeriscono una densità molto più bassa di quella che ci si aspetterebbe da un pianeta che è fondamentalmente composto da metallo e roccia, come la Terra. Se questa ipotesi fosse corretta, sarebbe simile ad alcuni luoghi del nostro sistema solare.

Si pensa che Encelado, la luna gelida e luminosa di Saturno, ospiti un oceano globale di acqua salata sotterraneo sotto uno scudo ghiacciato. E Ganimede, uno dei compagni luminosi di Giove e la più grande luna nel nostro vicinato cosmico, vanta la propria distesa acquosa ghiacciata. Sebbene la scoperta di esopianeti non è qualcosa di nuovo, c’è sempre qualcosa di entusiasmante quando oggi se ne scopre uno.

Questo perché ora abbiamo il James Webb Space Telescope, un’altra incredibile macchina che si trova a un milione di miglia dalla Terra e decodifica i segreti dell’universo: dati cosmici nascosti sotto le spoglie della luce infrarossa. Le osservazioni con il telescopio Webb saranno essenziali per comprendere al meglio questo esopianeta. Altri ricercatori sperano di studiare l’atmosfera di questo esopianeta in modo più dettagliato e di verificare se si tratta davvero di un fantastico mondo di acqua liquida. Secondo il team, è uno dei pochi pianeti temperati conosciuti che mostra caratteristiche coerenti con un pianeta oceanico.

Foto di Valentin da Pixabay