latticini latte sintetico
Foto di Couleur da Pixabay

L’industria lattiero-casearia globale sta cambiando a causa della sempre più richiesta di alternative alimentari che non utilizzano animali. Una di queste alternative è il latte sintetico. Questo latte non utilizza mucche o altri animali, anche se sembra avere la stessa composizione biochimica del latte animale, ma viene prodotto attraverso una tecnica chiamata “fermentazione di precisione“, che produce biomassa dalle cellule.

Più dell’80% della popolazione mondiale  consuma regolarmente latticini nella quotidianità, ma sta crescendo sempre più la domanda di alternative più sostenibili. I latti sintetici offrono latte da latte senza preoccupazioni come le emissioni di metano o il benessere degli animali. Tuttavia questo latte sintetico deve superare molte sfide e insidie ​​per diventare un’alternativa equa, sostenibile e praticabile al latte di origine animale.

 

Arriva il latte sintetico per cambiare il mondo dei latticini

Uno studio recente ha esaminato i grandi trend dell’industria lattiero-casearia globale. I latti vegetali e quelli sintetici sono emersi come un’interruzione chiave. A differenza della carne sintetica che lotta per eguagliare la consistenza e la complessità della carne animale, il latte sintetico è pubblicizzato per avere lo stesso gusto, aspetto e sensazione di latte animale. Questa tipologia di latte non solo frutto della nostra immaginazione; è già presente sul mercato americano, prodotte da alcune aziende che forniscono proteine prive di animali a base di microflora, utilizzate maggiormente gelati, proteine in polvere e latte.

Il processo inizia con il lievito e utilizza la “fermentazione di precisione” per produrre le stesse proteine ​​che si trovano nel latte vaccino. Queste proteine ​​conferiscono al latte molte delle sue proprietà chiave e contribuiscono alla sua consistenza cremosa e alla sua capacità di schiumare. Minerali, zuccheri, grassi e aromi vengono aggiunti alla base proteica per creare il prodotto finale. Se l’industria del latte sintetico è in grado di raggiungere questo obiettivo di costo su tutta la linea, il potenziale per sconvolgere l’industria lattiero-casearia è elevato. Potrebbe allontanare l’umanità dalla tradizionale agricoltura animale verso sistemi alimentari radicalmente diversi.

 

Moltissimi posti di lavoro entro il 2030

Un rapporto di qualche hanno fa sull’industria lattiero-casearia suggerisce che entro il 2030 l’industria di fermentazione di precisione offrirà oltre 700.000 posti di lavoro. E se il latte sintetico può sostituire i latticini come ingrediente nel settore della trasformazione alimentare industriale, ciò potrebbe presentare sfide significative per le aziende che producono latte in polvere per il mercato degli ingredienti. L’industria del latte sintetico deve crescere in modo esponenziale prima che diventi una minaccia considerevole per il latte di origine animale. Ciò richiederà molti capitali e investimenti in ricerca e sviluppo, nonché nuove infrastrutture di produzione come serbatoi di fermentazione e bioreattori.

Sebbene la tecnologia abbia un enorme potenziale di miglioramento dell’ambiente e del benessere degli animali, presenta sfide e potenziali svantaggi. Ad esempio, le proteine ​​alternative non sfidano necessariamente la corporatizzazione o l’omogeneizzazione dell’agricoltura industriale convenzionale. Ciò significa che i grandi produttori di latte sintetico potrebbero eliminare i sistemi lattiero-caseari a bassa tecnologia o su piccola scala e quelli alternativi. Poiché il latte sintetico guadagnerà sempre più campo nei prossimi anni è bene non ripetere le disuguaglianze esistenti nell’attuale sistema alimentare.

Foto di Couleur da Pixabay