covid-19 intestino
Foto di Orna Wachman da Pixabay

Nuove scoperte hanno dimostrato un possibile legame molecolare tra l’intestino e il Covid-19. Questa nuova scoperta potrebbe portare a nuove informazioni o indizi su ciò che potrebbe causare il Covid-19 e la gravità della malattia. Inoltre lo studio ha suggerito che gli antidepressivi, noti come inibitori della serotonina possono ridurre la gravità dei sintomi della malattia.

Come già sappiamo il Covid-19 ha una serie di sintomi che comprendono regolarmente problemi gastrointestinali, come la diarrea. Ricerche recenti hanno indicato che questi sintomi intestinali nei pazienti Covid-19 peggiorano con la gravità della malattia e questo è collegato all’aumento della serotonina derivata dall’intestino, rilasciata per causare disfunzioni intestinali.

 

Intestino, esiste un legame molecolare con il Covid-19

Lo studio ha cercato di capire se l’intestino potesse essere un sito di trasmissione di malattie e quali geni potrebbero essere associati al virus che entra nelle cellule che rivestono la parete intestinale. I ricercatori hanno esaminato l’espressione genica tra i diversi tipi cellulari che rivestono la parete intestinale, analizzando le sequenze dell’intero genoma di migliaia di singole cellule dall’interno dell’intestino. Molti geni legati al Covid-19 sono stati trovati espressi nei diversi tipi cellulari che rivestono la parete intestinale, ma solo le cellule della serotonina hanno espresso tutti e tre i recettori per il virus.

L’espressione di tutti e tre i recettori SARS-CoV-2 triplica il tasso di infettività cellulare, rispetto all’espressione di due soli recettori. Con i siti esatti di infezione e i fattori primari della gravità della malattia Covid-19 non ancora completamente compresi, gli autori affermano che questo studio fornisce informazioni importanti sul ruolo dell’intestino nel virus. Lo studio aggiunge ulteriori prove che Covid-19 ha molte più probabilità di infettare le cellule dell’intestino e aumentare i livelli di serotonina attraverso effetti diretti su specifiche cellule intestinali, peggiorando potenzialmente gli esiti della malattia. Fornisce inoltre ulteriore supporto alle prove cliniche emergenti che i farmaci antidepressivi, che bloccano il trasporto della serotonina nel corpo, possono servire come trattamento benefico.

Mentre il Covid-19 continua a circolare, saranno necessarie ulteriori ricerche per migliorare la nostra comprensione del ruolo dell’intestino in questo virus e continuare a trovare opzioni di trattamento per lavorare insieme alle vaccinazioni.

Foto di Orna Wachman da Pixabay