covid-19-vaccini-booster-migliorati
Photo by Towfiqu barbhuiya on Unsplash

La vita continua, e vale sia per noi che il coronavirus del Covid-19. Quest’ultimo non ha smesso di circolare e i recenti aumenti di casi di contagio in giro per il mondo lo dimostrano. Si parla nuovamente di varianti, ma a questo giro si parla anche di nuovi vaccini. Se n’è parlato spesso, ma a conti fatto non erano ancora ufficialmente arrivate le versioni aggiornate dei trattamenti, fino a non molto tempo fa.

L’arrivo dei vaccini aggiornati contro il Covid-19 di Pfizer e Moderna, ha fatto muovere alcuni paesi verso una nuova campagna vaccinale. Un esempio è il Regno Unito dove in seguito all’approvazione da parte dell’Agenzia di regolamentazione dei farmaci inizierà la prima fase per chiunque sopra i 50 anni, oltre alle solite fasce a rischio per motivi di saluti e di lavoro; i vaccini sono considerati sicuri dai 12 anni a salire.

 

Covid-19: un nuovo ciclo vaccinale

Le parole del segretario della salute britannico Steve Barclay: “Questi vaccini innovativi amplieranno l’immunità e rafforzeranno le nostre difese contro quello che rimane un virus pericoloso per la vita. Se idoneo, si prega di farsi avanti per un richiamo non appena si viene contattati dal SSN”.

I nuovi vaccini booster contro il Covid-19 sono considerati bivalenti. Nello specifico prende di mira il ceppo originale del virus mentre allo stesso tempo riesce a contrastare le nuove varianti del coronavirus Sars-CoV-2 Sicuramente questo autunno potrebbe di nuovo risultare particolarmente impegnato dal punto di vista dei vaccini in seguito a nuove approvazioni e allo spettro di nuove ondate.