drago
Photo by Stephen Leonardi on Unsplash

Il prequel de Il Trono di Spade riporta in auge il fascino dei draghi. Ma sebbene la serie House of the Dragon e i libri di Harry Potter possano aver aumentato la loro notorietà nel 21° secolo, questi esseri facevano già parte della cultura e delle religioni di molte antiche civiltà. In un articolo pubblicato su Conversation, Emily Zarka ha notato che i draghi sono un simbolo quasi universale per molte civiltà. Secondo lo specialista del genere gotico, dell’horror e dei mostri nella letteratura e nel cinema, l’esistenza duratura del mito del drago “è una testimonianza del suo potere narrativo“.

Le religioni e le culture in tutto il mondo sono piene di tradizioni dei draghi“, ha detto, indicando che, nella stragrande maggioranza delle credenze, “c’è una metafora che alcuni studiosi chiamano Chaoskampf, una parola tedesca che si traduce come la lotta contro il caos“.

Quel termine si riferisce a una situazione che “coinvolge un personaggio eroico che uccide un caotico ‘mostro’ primordiale, spesso con caratteristiche associate a un drago e dimensioni enormi che annullano gli umani”, ha continuato. Un antico esempio si trova nell’ ‘Enūma Elias’“, un testo scritto tra il 2000 e il 1000 a.C. Nel testo, Tiamat, la divinità femminile dell’acqua salata e matriarca degli dei, ha dato alla luce 11 tipi di mostri, incluso un drago. Sebbene Tiamat non sia mai descritto come un “drago”, alcuni dei suoi figli sono draghi. Successivamente, il suo aspetto iniziò ad assumere caratteristiche che la legavano al predatore mitologico.

In Cina, dove il drago è chiamato Long, la sua presenza è antica e integra diverse tradizioni culturali, spirituali e sociali. È uno degli elementi dello zodiaco cinese, una delle creature sacre che compongono i Quattro Animali Sacri e giustificano le dinastie imperiali.

Diversi tipi di questi esseri formano una gerarchia nell’antica cosmologia cinese e compaiono nei miti della creazione di varie tradizioni indigene. Quando i missionari gesuiti reintrodussero il cristianesimo in Cina nel XVI secolo, l’esistenza del drago non fu contestata. Invece, l’hanno associato “a una spiegazione più occidentalizzata: il diavolo“, ha detto l’esperto.

Oggi, i draghi sono celebrati e venerati nelle tradizioni buddiste, taoiste e confuciane come simboli di forza e illuminazione. Appaiono anche nelle religioni anatoliche, nei miti sumeri, nelle saghe germaniche, nelle credenze e nelle scritture shintoiste. Ciò solleva la domanda: perché sono comparsi i draghi?

 

Draghi sputafuoco? Sì, potrebbero esistere

Secondo Emily Zarka, una teoria di lunga data è che ci siano spiegazioni naturali per i draghi. Questo non vuol dire che esistessero, ma piuttosto che fossili, animali e caratteristiche geologiche nel mondo naturale hanno ispirato la loro creazione.

L’autore e scienziato Carl Sagan ha scritto un libro in cui sostiene che i draghi si sono evoluti da un bisogno umano di fondere la scienza con il mito, il razionale con l’irrazionale, come parte di una risposta evolutiva ai veri predatori.

I resti totali o parziali di numerose specie estinte possono spiegare gli attributi fisici dei draghi. Nel 2020, DorothyBelle Poli e Lisa Stoneman hanno suggerito che i resti fossili della pianta primitiva Lepidodendron potrebbero essere dietro la presenza globale dei draghi.

Anche le somiglianze che questi esseri mitologici hanno con lucertole, pesci, coccodrilli, serpenti giganti e alcune specie di uccelli sono state proposte come possibili spiegazioni per la loro tradizione.

Alcuni studiosi hanno citato i processi geologici naturali come spiegazioni per i draghi, in particolare se associati a catastrofi naturali. I draghi sputafuoco, ad esempio, erano una spiegazione per gli incendi misteriosi. Prima che i meccanismi di combustione fossero compresi, ha spiegato, tali eventi erano considerati indicatori della presenza di un drago.

Un altro motivo addotto da Emily Zarka perché i draghi continuino ad apparire è il fatto che rappresentano il potere della natura. Le storie sulle persone che domano i draghi possono essere viste come storie sulla capacità degli umani di dominare forze che non possono essere sempre controllate. “Avere il controllo su un drago sottolinea l’idea che gli esseri umani sono superiori a tutti gli altri animali. I draghi sfidano il concetto di supremazia biologica umana , sollevando interrogativi su cosa accadrebbe se gli esseri umani fossero costretti a riposizionarsi come membri inferiori della catena alimentare“.

Ancora più importante, ha concluso l’esperto, è che “la bellezza, il terrore e il potere del drago evocano mistero e suggeriscono che non tutti i fenomeni sono facilmente spiegabili o comprensibili“.