cancro polmoni inquinamento atmosferico
Foto di oracast da Pixabay

Sappiamo da tempo che l’inquinamento atmosferico può essere collegato a un rischio elevato di cancro ai polmoni nelle persone che non hanno mai fatto uso di sigarette, ma un nuovo studio ha suggerito che potrebbero esserci indizi che mirano a spiegare come questo avvenga. I risultati recenti hanno suggerito che l’inquinamento atmosferico può causare il cancro ai polmoni in persone che non hanno mai fumato perché alcune particelle inquinanti dell’aria possono promuovere cambiamenti nelle cellule delle vie aeree.

Una maggiore esposizione al particolato atmosferico o all’inquinamento da particelle può determinare rapidi cambiamenti nelle cellule delle vie aeree che presentano mutazioni in un gene chiamato EGFR, che si osserva in circa la metà delle persone con cancro ai polmoni che non hanno mai fumato, e un altro gene legato al cancro ai polmoni chiamato KRAS. Le mutazioni del driver nei geni EGFR e KRAS, che si trovano comunemente nei tumori polmonari, sono effettivamente presenti nel normale tessuto polmonare e sono una probabile conseguenza dell’invecchiamento.

 

Inquinamento atmosferico, possibile causa dell’inizio di cancro ai polmoni

Nello studio recente queste mutazioni da sole non hanno potenziato di molto il cancro dei modelli da laboratorio. Tuttavia quando le cellule tumorali con queste mutazioni sono esposte agli inquinanti atmosferici, si sono mostrati numeri maggiori di tumori che si sono sviluppati in modo più rapido. Ciò sta a significare che l’inquinamento atmosferico promuove l’inizio del cancro ai polmoni nelle cellule che ospitano mutazioni. Il passo successivo sarà quello di capire il perché alcune cellule polmonari con mutazioni diventano cancerose se esposte a sostanze inquinanti e altre no.

Il particolato o l’inquinamento da particelle nell’aria è un mix di particelle solide e goccioline liquide. Alcuni sono emessi sotto forma di sporco, polvere, fuliggine o fumo e possono provenire da centrali a carbone e gas naturale, automobili, agricoltura, strade non asfaltate e cantieri, tra le altre fonti. Il particolato fine è il più minuscolo inquinante atmosferico ma tra i più pericolosi. Se inalati, questi inquinanti possono viaggiare in profondità nel tessuto polmonare, dove possono entrare nel flusso sanguigno e contribuire all’asma, alle malattie cardiovascolari e ad altre malattie respiratorie. I livelli crescenti di inquinanti atmosferici a PM 2,5 erano associati ad un aumento generale del rischio di cancro del polmone non a piccole cellule correlato all’EGFR in Inghilterra, Corea del Sud e Taiwan.

L’esposizione all’inquinamento atmosferico sia nei topi che negli esseri umani provoca un asse infiammatorio. Solo se questa cellula staminale ha questa mutazione allora il cancro avrà inizio. Quello che hanno scoperto attraverso la biopsia del tessuto polmonare normale è che le mutazioni di EGFR e KRAS si verificano nel tessuto polmonare normale in oltre il 50% delle normali biopsie polmonari e queste si verificano con l’invecchiamento. Quindi sappiamo che l’inquinamento atmosferico è stato elencato come cancerogeno un certo numero di anni fa dall’Organizzazione mondiale della sanità, e questo studio aggiunga semplicemente la prova che è un meccanismo particolare per quelle particelle di PM 2,5 che portano allo sviluppo del cancro ai polmoni in questa popolazione.

Foto di oracast da Pixabay