ghiacciaio
Photo by Emma Francis on Unsplash

Il “ghiacciaio del giorno del giudizio” potrebbe ritirarsi rapidamente nei prossimi anni, sollevando preoccupazioni per l’innalzamento del livello del mare. Il cosiddetto ghiacciaio Doomsday ha preso il nome dall’alto rischio di collasso e minaccia a livello del mare. Gli scienziati sono preoccupati per l’innalzamento del livello del mare che accompagnerebbe la potenziale scomparsa del ghiacciaio.

Il ghiacciaio Thwaites, che è in grado di innalzare il livello del mare di alcuni metri, si sta erodendo lungo la sua base sommersa mentre la temperatura del pianeta si riscalda. In uno studio pubblicato il 5 settembre sulla rivista Nature Geoscience, i ricercatori hanno mappato il ritiro storico del ghiacciaio, con l’obiettivo di apprenderne la storia e analizzare cosa accadrà in futuro.

Il team di ricerca ha scoperto che, negli ultimi due secoli, la base del ghiacciaio si è staccata dal fondo del mare e si è ritirata a una velocità di 2,1 chilometri all’anno, il doppio di quella osservata dagli scienziati nell’ultimo decennio. Questa rapida disintegrazione potrebbe essersi verificata “fino alla metà del secolo XX“, secondo Alastair Graham, autore principale dello studio e geofisico marino presso l’Università della Florida meridionale. Thwaites avrà quindi la capacità di subire un rapido ritiro nel prossimo futuro, dopo essere sceso oltre una cresta sul fondo marino.

Il Thwaites è davvero appeso a un filo e dovremmo aspettarci grandi cambiamenti in brevi periodi di tempo in futuro, anche da un anno all’altro, quando il ghiacciaio si ritira dietro una cresta poco profonda sul fondo del mare“, osserva Robert Larter, geofisico marino e coautore dello studio.

 

Storia del ghiacciaio più temuto del mondo

Il ghiacciaio Thwaites è uno dei più grandi al mondo, ma è solo una frazione della calotta glaciale dell’Antartide occidentale, che contiene abbastanza ghiaccio per aumentare il livello del mare fino a 5 metri, secondo la NASA.

Nell’attuale contesto della crisi climatica, il “ghiacciaio del giorno del giudizio” è stato osservato da vicino a causa dell’accelerazione dello scioglimento e della capacità di distruzione delle coste.

Nel 1973, i ricercatori si sono chiesti se il ghiacciaio fosse ad alto rischio di collasso. Quasi un decennio dopo, hanno scoperto che le correnti oceaniche calde possono sciogliere il ghiacciaio dal basso, perdendo stabilità dal fondo.

Questa ricerca ha portato i ricercatori a chiamare la regione intorno al Thwaites “il punto debole della calotta glaciale dell’Antartide occidentale“. Nel 2021, uno studio ha mostrato che la piattaforma di ghiaccio del Thwaites, che aiuta a stabilizzare il ghiacciaio e impedisce al ghiaccio di fluire liberamente nell’oceano, potrebbe crollare entro cinque anni. “Dai dati satellitari, vediamo grandi fratture che si diffondono sulla superficie della piattaforma di ghiaccio, indebolendo sostanzialmente la struttura. Un po’ come quando rompiamo il parabrezza“, ha detto Peter Davis, oceanografo del British Antarctic Survey, nel 2021. “Si diffonde lentamente attraverso la piattaforma di ghiaccio e alla fine si romperà in diversi pezzi“, ha aggiunto all’epoca. Per quanto riguarda lo studio più recente, “è stata davvero una missione irripetibile“, sottolinea Graham.

Il team spera di tornare presto per campionare il fondale marino per determinare quando si sono verificati i precedenti rapidi ritiri. Gli scienziati saranno quindi in grado di prevedere i futuri cambiamenti del “ghiacciaio del giorno del giudizio”, che i ricercatori in precedenza pensavano richiedessero molto tempo – qualcosa che secondo Graham smentisce questo nuovo studio.