diabete tipo 2 farmaci
Foto di Myriams-Fotos da Pixabay

Quando si parla di diabete di tipo 2 la maggior parte delle persone che ne soffrono cercano soluzioni possibili per ridurre questa condizione. Un nuovo gruppo di ricercatori ha sviluppato nuovi farmaci peptide-1 che sono in grado di trattare questa condizione cronica. Questi farmaci che sono simili al glucagone sono risultati stabili e ipoglicemizzanti. Il GLP-1 può promuovere la sintesi delle cellule beta del pancreas, la secrezione di insulina e l’inibizione del rilascio di glucagone, che ha un buon effetto terapeutico sul diabete di tipo 2.

Al momento, il valore di uscita globale degli analoghi del GLP-1 ha raggiunto decine di miliardi di dollari e i farmaci GLP-1 altamente stabili sono un hotspot della ricerca. Sulla base di un’analisi approfondita della struttura molecolare dei recettori umani è stata progettata una varietà di analoghi del GLP-1 che si legano ai frammenti della proteina di fusione e quindi campioni di purezza sono stati preparati dalla produzione industriale.

 

Nuovi farmaci peptide-1 potrebbero portare a trattare il diabete di tipo 2

Gli esperimenti sugli animali hanno mostrato che questo analogo del GLP-1 potrebbe prevenire efficacemente la degradazione del DPP-4 e la durata dell’ipoglicemia era superiore a 24 ore, indicando un alto potenziale per l’applicazione commerciale. Questo studio fornisce un nuovo modo per la progettazione e la produzione industriale di nuovi farmaci proteici basati sulla biologia sintetica. Il diabete è una condizione di salute cronica permanente causata da anomalie nella produzione e nell’uso dell’ormone insulina da parte del corpo. La ricerca ha dimostrato che l’ormone del benessere, la dopamina, svolge un ruolo chiave nel modo in cui il corpo regola la produzione di insulina.

Tipicamente, l’insulina è secreta dalle cellule del pancreas chiamate cellule beta, in risposta al glucosio, un processo che è giustamente chiamato secrezione di insulina stimolata dal glucosio. La dopamina regola negativamente la secrezione dell’insulina stimolata dal glucosio portando a cambiamenti transitori nei livelli di insulina nel corpo. Ma il meccanismo alla base di questo regolamento era sconosciuto, fino ad ora. Utilizzando una tecnica chiamata microscopia a fluorescenza a riflessione interna totale, sono stati in grado di rivelare che i recettori DA, proteine ​​​​su cellule a cui può legarsi, chiamati D1 e D2, agiscono di concerto per ottenere la regolazione transitoria dell’insulina.

 

La dopamina può aiutare con la secrezione di insulina

I ricercatori hanno scoperto che gli antagonisti del recettore D1, farmaci che bloccano l’attivazione dei recettori D1, diminuivano l’inibizione della secrezione di insulina mediata dalla dopamina. Hanno anche visto che la sovraespressione dei soli recettori D2 sulle cellule beta esercitava un effetto inibitorio e tossico e aboliva la secrezione di insulina in beta. Questo ci ha fornito un indizio sul meccanismo della down-regulation. Hanno scoperto che D1 e D2 si legavano tra loro per formare un complesso chiamato “eteromero“. Quando attivato da DA, questo ha inibito transitoriamente la secrezione di insulina. Hanno anche visto che quando questi recettori sono stati co-espressi su cellule beta, le cellule sono state in grado di bypassare gli effetti tossici della sovraespressione di D2.

Comprendere il meccanismo della segnalazione DA nella regolazione della secrezione di insulina fornirà sicuramente nuovi bersagli terapeutici per la prevenzione, il trattamento e la gestione del diabete.

Foto di Myriams-Fotos da Pixabay