corona-san-eduoardo
Ph. credit via British Heritage

La corona di Sant’Edoardo ha un valore di 39 milioni di euro ed è così pesante da essere utilizzata solo durante le cerimonie di incoronazione. Nel 1671, i gioielli reali britannici rischiarono di essere rubati da un comandante irlandese. Sono alcuni dei più grandi simboli della monarchia britannica e tra pochi mesi saranno nelle mani (e sulla testa) di Carlo III, il nuovo re del Regno Unito, nella sua cerimonia ufficiale di incoronazione.

Le collezioni di gioielli della famiglia reale britannica includono alcuni dei gioielli più preziosi al mondo – sia monetari, sentimentali che storici – e la Corona di Sant’Edoardo è, letteralmente, il gioiello della corona.

Ufficialmente la collezione non ha valore, ma le stime indicano un valore di circa quattro miliardi di euro. La sola Corona di Santo Eduardo vale 39 milioni, con una base metallica in oro massiccio del peso di 22 chili e 444 pietre preziose e semipreziose utilizzate nella sua decorazione. Il pezzo è alto circa 30 centimetri e pesa 2,23 chilogrammi. La defunta regina Elisabetta II ha persino detto che, quando leggeva un discorso mentre indossava la corona, non poteva guardare in basso perché altrimenti il suo collo si sarebbe “spezzato”. “Ci sono alcuni aspetti negativi nell’indossare corone, ma a parte questo sono cose importanti“, aveva scherzato.

Data la sua preziosità e il peso scomodo, la corona viene solitamente indossata solo nelle cerimonie di incoronazione. In altre occasioni formali, il monarca indossa la corona di stato imperiale, anch’essa lunga circa 31 centimetri, ma pesa 0,91 chilogrammi più sopportabili.

La corona nacque per ordine del re anglosassone che la battezzò, Edoardo il Confessore, che ne utilizzò la versione originale durante il suo regno tra il 1042 e il 1066. Anche dopo la conquista normanna dell’Inghilterra, i monarchi continuarono a portare l’opulenta corona d’oro per le loro incoronazioni, un rituale che terminò solo nel 1547, quando la Chiesa anglicana denunciò l’uso di reliquie medievali legate al passato cattolico del paese, dice le Antiche Origini.

 

Tentativo di rubare i gioielli

Nel 1645, quando la monarchia fu messa fuori legge dopo la vittoria di Oliver Cromwell durante la guerra civile, la versione originale della corona fu venduta o fusa. La guerra civile in Inghilterra ha anche innescato uno degli episodi più ridicoli nella storia dei gioielli reali, che vede protagonista il comandante Thomas Blood, un nome che, tra l’altro, era già di auspicio.

Durante il conflitto, Blood combatté a fianco dei realisti, poi cambiò sentimento di fedeltà quando divenne chiaro che i parlamentari sarebbero usciti vittoriosi. Quando questa vittoria giunse a buon fine, l’irlandese fu ricompensato con vaste terre che lo resero ricco. Tuttavia, quando la monarchia fu restaurata nel 1660, lo scambio di alleanze costò molto a Blood, che fu finanziariamente rovinato dato che le sue terre furono confiscate. Questo fece arrabbiare il comandante, che escogitò un piano nel 1671 per vendicarsi rubando i gioielli della corona.

Per fare questo, finse di essere un parroco in visita alla Torre di Londra e si avvicinò a Talbot Edwards, un ex soldato di 76 anni che era responsabile della sicurezza dei gioielli. Blood suggerì persino che l’amicizia tra i due si consolidasse con un matrimonio, suggerendo che la figlia di Edwards sposasse suo “nipote”, che in realtà era suo figlio.

Questo piano, degno di un cattivo copione cinematografico, si avverò quando Blood accompagnò suo “nipote” ad incontrare la famiglia della sposa. Prima che la moglie di Edwards arrivasse, Blood chiese al suo amico di mostrargli i gioielli della corona. Fu lì che il comandante e suo figlio arrestarono e imbavagliarono la guardia di sicurezza e cercarono di scappare con i tesori inestimabili. I ladri se la sarebbero cavata senza problemi se non fosse scattato l’allarme. Quando fu catturato, Blood si rifiutò di parlare con chiunque non fosse il re stesso e il suo desiderio fu esaudito. L’irlandese fu infine graziato e Carlo II iniziò persino a pagargli una pensione di 500 sterline all’anno .

Non è chiaro il motivo per cui il re fosse così generoso con Blood, ma alcune teorie indicano che il monarca facesse parte della cospirazione, mentre altri affermavano che temeva una ribellione da parte dei sostenitori dell’ex comandante.

 

La rinascita della corona

In mezzo a questo dramma, la questione non fu mai dimenticata, così come il suo legame con il re Edoardo, che fu canonizzato dalla Chiesa cattolica nel 1161.

L’attuale versione della corona fu creata nel 1661, in occasione della restaurazione della monarchia britannica con il re Carlo II. La nuova corona è stata ispirata dalla prima versione, ma include dettagli più barocchi che non erano presenti nell’originale.

Dopo l’incoronazione di Guglielmo III nel 1689, la corona non fu utilizzata per oltre 200 anni, per ragioni sconosciute. Tuttavia, fu nuovamente posto sulla testa di un monarca all’incoronazione di Giorgio V, il nonno di Elisabetta II, nel 1911. Il re si ispirò al desiderio di suo padre, Edoardo VII, che progettava di indossare il pezzo per la sua incoronazione nel 1902, ma finì per dover rinunciare al desiderio perché si stava riprendendo da una malattia e non poteva sopportarne il peso.

Da allora, Giorgio V ha avviato una nuova tradizione, poiché sia ​​suo figlio Giorgio VI che sua nipote Elisabetta II sono tornati a indossare la corona di Sant’Edoardo nelle rispettive incoronazioni. La regina era così affezionata alla corona da includere un adattamento della sua immagine su vari stemmi reali, sigilli e loghi.