influenza nuova stagione
Foto di Alexandr Litovchenko da Pixabay

Con le preoccupazioni recenti per il Covid-19, vaiolo delle scimmie e poliomielite ci siamo dimenticati che la stagione influenzale sta arrivando. L’influenza comincia ad aumentare dai primi di ottobre, ma nuove ricerche hanno suggerito che è già presente tra noi a partire da questo mese. L’emisfero australe, che sta finendo la sua stagione influenzale, ha visto molta influenza quest’anno e questo potrebbe non essere di buon auspicio per noi.

Sarà secondo gli esperti un anno davvero difficile, peggiore di quello che abbiamo visto negli ultimi anni. Questo perché oltre le restrizioni del Covid-19 che sono state allentate e le persone potrebbero viaggiare di più durante la stagione influenzale. Inoltre poiché le stagioni influenzali sono state così miti negli ultimi anni, molte persone potrebbero essere più suscettibili quest’anno perché il loro sistema immunitario non è stato esposto al virus dell’influenza da un po’ di tempo.

 

Influenza, ecco cosa fare per prevenire la nuova stagione in arrivo

È troppo presto per dire quanto sarà efficace il vaccino antinfluenzale quest’anno. Tuttavia anche quando il vaccino non si adatta bene ai virus influenzali circolanti, protegge comunque le persone da gravi malattie e complicazioni. Uno studio di qualche anno fa, nel 2017, ha sottolineato che il vaccino antinfluenzale ha ridotto il rischio di ospedalizzazione nelle persone di età compresa tra 18 e 64 anni del 51% e negli adulti di età pari o superiore a 65 anni del 37% in cinque stagioni influenzali. Un ulteriore studio del 2020 tra i bambini, la vaccinazione antinfluenzale ha ridotto del 41% la possibilità di ricoveri correlati all’influenza e del 51% il rischio di visite al pronto soccorso correlate all’influenza durante la stagione influenzale 2018-2019.

I bambini che hanno 2 anni o più possono usufruire del vaccino spray nasale, che non richiede un ago, ma è comunque efficace quanto quello classico. Quelli tra i 6 mesi e gli 8 anni che stanno ricevendo il vaccino antinfluenzale per la prima volta, o che hanno ricevuto solo una dose di vaccino antinfluenzale, dovrebbero ricevere due dosi del vaccino antinfluenzale quest’anno. Anche se non siamo preoccupati riguardo gli effetti e sintomi dell’influenza, dobbiamo ricordare che la vaccinazione non protegge solo noi, ma anche chi ci sta intorno. La scorsa settimana gli esperti hanno esortato coloro che sono idonei a ricevere immediatamente il nuovo richiamo per il Covid-19, insieme al vaccino antinfluenzale.

Tuttavia ciò potrebbe essere una buona idea in quanto averli insieme è un bene e può aumentare gli sforzi. Tuttavia bisogna tener presente che le persone che ricevono i vaccini contemporaneamente potrebbero sperimentare più effetti collaterali, come dolori alle braccia, mal di testa e affaticamento, che tendono ad essere lievi. Se non siamo ad alto rischio di complicazioni e l’attività influenzale è bassa dove viviamo, e se siamo il tipo di persona a cui piace ottimizzare la protezione contro l’influenza, aspettare un altro mese o due potrebbe essere una scelta saggia.

Foto di Alexandr Litovchenko da Pixabay