Un torre con giardini pensili

Alcuni lo chiamano la “foresta urbana verticale” per il suo alto contenuto di vegetali; per altri è “l’edificio che ‘mangia’ l’inquinamento” grazie alla sua funzione ecologica; infine, per alcune persone, si tratta della “torre trasformata”, per la sua forma elicoidale particolare. E’ la torre/appartamento Tao Zhu Yin Yuan, progettata dall’architetto belga Vincent Callebaut e la cui costruzione sta per concludersi a Taipei.

Cattura l’occhio di chi guarda per essere un progetto originale su carta e un vivace e moderno quartiere del Distretto Xinyin, sede di importanti enti governativi e centri commerciali. Il progetto, chiamato Agora Garden, è una torre residenziale composta da 40 appartamenti di lusso e vari impianti che coprono 42,335.34 m². Sarà consegnato alla fine del 2017.

Questa torre antisismica e sostenibile, in termini ambientali, è un prototipo di bioedilizia assorbente in carbonio, che si ottiene con 23 mila alberi e arbusti piantati sul pavimento e balconi e in grado di assorbire ogni anno 130 tonnellate di CO2 – come una foresta urbana.

Un torre con giardini pensili

Dalla base alla sommità, 93 metri e 20 livelli abitabili e verticalmente sovrapposti di questo edificio a torsione di 90 gradi fanno la differenza. Ogni livello compie una rotazione di 4,5 gradi dal livello immediato e sporgente, insieme ad una facciata convessa e conica ricurva.

Ispirato dalla struttura a doppia elica del codice genetico o DNA, sarà un nuovo ecosistema in grado di ospitare la fauna e la flora nel cuore della città e generare una nuova casa subtropicale per la biodiversità“, riassume l’architetto.

Dal punto di vista di chi lo osserva dalle quattro strade circostanti, la torre Tzyy cambierà la sua faccia con l’adozione di uno di questi quattro profili sorprendenti: ‘V’, ‘X’, ellittica o piramidale. Questa opera architettonica ha un nucleo molto compatto, unifica due unità in un unico alloggiamento, fornisce molteplici angoli di visione verso il paesaggio urbano e offre una grande varietà di giardini pensili“, aggiunge.

Inoltre, c’è da notare che tale edificio offrirà ai suoi abitanti una vista panoramica eccezionale sulla città, in particolare verso la vicina torre Taipei 101, il grattacielo più alto del paese, con i suoi 508 metri di altezza e l’area business emergente Central business District. Grazie ai ‘giardini a cascata’ sospesi che coprono l’intero edificio, la torre diventerà un vero e proprio parco verticale abitato nel cuore della città“, spiega ancora Callebaut.

 

Sul tetto dell’edificio, un grande pergolato fotovoltaico di 1.000 metri quadrati, situato per trasformare la luce solare in energia elettrica. E, sotto la struttura in acciaio, alcuni giardini
panoramici, le cui piante filtreranno e purificheranno l’acqua piovana.