in

Alieni: astronauta che ha camminato sulla Luna rompe il silenzio

Ha camminato sulla Luna e, per lui, gli alieni esistono ma mai si sono mesi in contatto con noi

Un esploratore spaziale che ha avuto il privilegio di camminare sulla Luna spiega perché non crede che gli alieni abbiano cercato o stiano ancora cercando di raggiungere il nostro pianeta o mettersi in contattato. Il pilota del modulo lunare era uno dei membri dell’equipaggio a bordo dell’Apollo 12, tra quelli che ebbero il privilegio di camminare sulla superficie del satellite dopo il lancio del veicolo spaziale, che ha avuto luogo il 14 novembre 1969.

L’obiettivo principale dell’equipaggio era costituito da una vasta serie di attività di esplorazione lunare e l’attuazione di pacchetti di esperimenti Apollo sulla sua superficie, al fine di raccogliere dati sismici, scientifici e ingegneristici. Bean ha trascorso 1.671 ore e 45 minuti nello spazio. Per tutto quel tempo, 10 ore e 26 minuti, è stato sulla Luna e in orbita attorno alla Terra. Grazie alla sua esperienza spaziale, ha sviluppato diverse teorie curiose circa la possibile esistenza di vita extraterrestre.

Alan Bean mostra i componenti del pacchetto esperimenti Apolo

“Io non credo che nessuno, dallo spazio, abbia visitato la Terra”, ha ammesso Bean in un’intervista.

Marte

Secondo l’astronauta, le civiltà più avanzate sono “più amichevoli e altruisti“. Inoltre, la Terra oggi “è molto meglio di quanto non lo fosse prima“. Tanto che, se mai avessimo incontrato rappresentanti di altre culture dello spazio, avremmo agito in modo simile.

Tuttavia, il veterano membro della NASA non esita per un secondo a dichiarare che non siamo soli nell’universo. “Ci sono così tante migliaia di milioni di stelle che ci devono essere statisticamente molti pianeti intorno ad esse, che hanno sviluppato la vita“, ha continuato. Bean ha anche dichiarato che alcuni pianeti potrebbero essere come il nostro 100 mila anni fa, mentre altri “sono come noi oggi” e “alcuni sono 10 mila anni più futuristici di noi“.

Il veterano astronauta ricorda ancora la prima volta in cui ha visto un Earthrise, ovvero il nostro pianeta sorgere dalla Luna.

La prima immagine di Earthrise presa dal Apollo 8 1968

“Tutti noi volevamo vedere come era la Luna da vicino. Tuttavia, per la maggior parte di noi, la vista più memorabile non era la Luna, ma la nostra bella casa in colori blu e bianco, che si spostava maestosamente intorno al Sole, solo nella spazio nero infinito, “ha detto.

esopianeti scoperte di recente da parte della NASA

 

La parte più importante della nostra missione sulla Luna negli anni ’60 non era quella per cui era stata pianificata. Ma la sensazione che, in tutto il mondo, ci fossero esseri umani che potevano fare molto di più di quanto avessero immaginato prima“.

la luna

Bean si è ritirato dalla NASA nel 1981 per diventare un pittore. Le sue opere sono ispirate dalle sue esperienze come astronauta. “Anche se vivessi 185 anni, non sarei a corto di idee per dipingere su questo tema“, ha detto. “Quello che siamo stati in grado di fare ha cambiato il mio atteggiamento. Ora, quando guardo la luna, sembra così lontana“.

Con la consapevolezza che gli alieni siano lì, da qualche parte. Ma ancora senza alcun contatto con l’uomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Microsoft Surface Laptop

Microsoft Surface Laptop al teardown: ripararlo è quasi impossibile

samsung galaxy note 8

Samsung Galaxy Note 8 non avrà lettore di impronte nella parte frontale