in ,

Amazon, CEO Jeff Bezos vende le sue azioni per puntare sull’azienda spaziale Blue Origin

Jeff Bezos accetta la sfida di Elon Musk e punta forte su Blue Origin, la sua azienda spaziale che si propone di iniziare lanci turistici entro il 2018.

Elon Musk ha fatto scuola, il signor Tesla infatti investe da anni sulla conquista dello spazio, recente l’ottimo risultato ottenuto con il lancio di un Falcon 9 riciclato, l’imprenditore di origini sudafricane però non è l’unico a guardare al cielo. Jeff Bezos ha raccolto innumerevoli successi con Amazon, azienda che ha fondato nel lontano 1994. Un progetto nato in un garage e lo ha poi portato in cima al mondo, tanto da valergli la copertina di Times come uomo dell’anno nel 1999.

Un uomo d’affari infaticabile, vinta una sfida si punta sulla prossima. Nel 2013 l’acquisto del Washington Post per 250 milioni di dollari, il marzo scorso si è attestato come secondo uomo più ricco del mondo con un gruzzolo da 75.6 miliardi di dollari. Ma neppure questo gli basta, scopriamo insieme qual è il nuovo grande obiettivo di Jeff Bezos.

Amazon non basta, Jeff Bezos vuole lo spazio

Nelle ultime ore è arrivato un annuncio sorprendente, Jeff Bezos svela i suoi piani per il futuro e lo fa in maniera clamorosa. Ogni anno il CEO venderà un miliardo di azioni di colosso e-commerce. Perché di questa scelta? L’idea è quella di finanziare Blue Origin, la sua azienda spaziale.

amazon jeff bezos

Solo Bill Gates ha disponibilità finanziarie superiori a quelle di Bezos, che comunque vuole raccogliere più liquidi possibili per far spiccare il volo alla sua creatura. Nel corso del 33esimo simposio sullo Spazio, tenutosi a Colorado Springs, l’uomo di affari ha svelato le strategie relative a Blue Origin, si è parlato anche di turismo spaziale, frontiera della quale si fa un gran parlare negli ultimi anni.

Il patron di Amazon vuole iniziare i lanci turistici entro il 2018, per riuscire nello scopo c’è bisogno di mettere perfettamente a punto il razzo New Shepard, riutilizzabile come il Falcon 9 di Musk. Inizialmente, ovviamente, i viaggi nello spazio saranno ad appannaggio di clienti molto facoltosi, considerato il prezzo, poi questo prodotto potrà diventerà appetibile per un pubblico più vasto.

Musk punta allo sviluppo di una capsula per inviare personale sulla ISS grazie al Falcon 9, Blue Origin punta ancora più alto, molto dipenderà dallo sviluppo di New Glenn, un razzo di elevatissime dimensioni con una potenza analoga a quello che ha portato l’uomo sulla luna. Ecco spiegata la vendita di azioni Amazon da parte di Jeff Bezos, i costi di queste operazioni non freneranno sicuramente le sue ambizioni.

Fonte: time.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

guerre stellari usa richard

‘Guerre Stellari’ diventano realtà? Comandante vuole gli Usa pronti a scontri nello spazio

revenge porn facebook

Revenge Porn: Facebook annuncia nuovi strumenti per contrastare il fenomeno