Android OS rappresenta la naturale evoluzione interattiva dei sistemi digitali non soltanto nel contesto della mobilità in ambiente smartphone per il multimedia e la produttività ma anche in una varietà di comparti paralleli che si accompagnano all’intrattenimento domestico, alla domotica e perfino all’automotive, dove si incontrano illustre personalità del calibro delle connazionali Fiat ed Alfa Romeo.

Con l’annuncio e la prima trance di rilascio dei sistemi Google Android 8.0 Oreo in revisione stabile per le piattaforme hardware di Mountain View ed attualmente in beta per i primi sub-brand, la casa madre californiana si sta assicurando un piano di aggiornamento ad hoc che cammina di pari passo ad una serie di altri progetti che vedono coinvolti anche protagonisti come Alfa Romeo e Fiat, le quali prevederanno a breve il supporto diretto agli ecosistemi Android all’interno degli infotainment delle loro rispettive autovetture di serie.

Si parla quindi della possibilità di poter spaziare oltre la semplice esperienza di guida su strada, andando ad abbracciare anche l’interattività di un comparto che, ad oggi, conta su un vasto numero di applicativi e servizi utili direttamente accessibili dal proprio smartphone Android.

Alfa Romeo e Fiat, celebri marchi nazionali facenti capo a multinazionali di spicco delle soluzioni automotive, disporranno quindi dell’accesso ai servizi Android Auto a partire dal prossimo anno, quando una serie di nuovi modelli si renderanno compatibili con le soluzioni software commerciali made in Google.

android auto fiat alfa romeo
Il 2018, pertanto, vedrà tra le file di Alfa Romeo nomi altisonanti della portata di Alfa Romeo Giulietta, MiTo, Giulia e Stelvio, mentre per Fiat troveremo la Fiat 500, 500L e Tipo del prossimo anno, nonché una serie di modelli 2017 facenti capo alle soluzioni Fiat 500X che di fatto già adottano il supporto agli ecosistemi operativi mobile. Qui di seguito, intanto, una lista dei modelli che le rispettive case madri renderanno compatibili con le piattaforme Android Auto (l’elenco aggiunge anche i brand Jeep, Dodge, RAM e Chrysler). 

  • Alfa Romeo
    • 2018+ Giuletta
    • 2018+ MiTo
    • 2018+ Giulia (in arrivo)
    • 2018+ Stelvio (in arrivo)
  • 500 Abarth
    • 2017+ 595
    • 2017+ 695
  • Chrysler
    • 2018+ Pacifica
  • Dodge
    • 2018+ Durango
  • Fiat
    • 2017+ 500
    • 2017+ 500X
    • 2017+ 500L
    • 2017+ Argo
    • 2017+ Tipo
  • Jeep
    • 2018+ Grand Cherokee
    • 2018+ Wrangler
  • RAM
    • 2018+ 1500
    • 2018+ 2500
    • 2018+ 3500
    • 2018+ Chassis Cab

Si tratta, come noto, di una piattaforma all’avanguardia che ben si pone al cospetto dell’utente nel contesto dell’interazione facilitata tra guidatore ed autovettura. Si tratta di un sistema che, per certi versi, anticipa un futuro always-on connect, in cui il nuovo paradigma dell’IoV regnerà da sovrano in vista dell’uscita commerciale delle soluzioni di connettività mobile di quinta generazione (vedi 5G Italia). android auto

Così facendo, il gruppo Fiat Chrysler Automobiles rinnova l’impegno di un’interazione completa e funzionale nel contesto dell’automotive, introducendo una serie di sostanziali novità da vedersi come importanti valori aggiunti che nel giro di 10 anni cambieranno radicalmente il nostro modo di vivere in digitale.

Android Auto, come risaputo, trae la sua forza dalla possibilità di realizzare un minuzioso controllo sullo stato del traffico e delle altre notizie pertinenti attraverso un comodo sistema di notifica user-friendly che si interfaccia al sistema multimediale nativamente previsto a bordo delle autovetture di serie. Incluse nel pacchetto, inoltre, non mancano applicazioni del calibro di Spotify e Google Play Music che garantiscono l’accesso ad un vasto database online di contenuti multimediali in streaming musicale.

Un sistema che, oltre il mero fine multimediale e di controllo, si pone a margine di un processo che incrementa la sicurezza su strada, grazie alla possibilità di gestire il tutto attraverso i comandi vocali che, in tal senso, eviteranno spiacevoli ed inutili distrazioni causa di incidenti e conseguenze secondarie di certo inattese.

In breve, quindi, Alfa Romeo e Fiat Chrysler si porteranno ad una serie di novità di non poco conto nel contesto dell’usabilità dei propri prodotti commerciali, ora sempre più inclini ad un severo cambiamento tecnologico che anticipa un futuro in cui le auto saranno protagoniste di importanti rivoluzioni tecnologiche.

E voi che idea vi siete fatti sull’integrazione Android – Automotive? Avete disposto un sistema ad hoc per la vostra auto? Come vi trovate? Spazio a tutte le vostre personali considerazioni ed esperienze dirette al riguardo.