Apple WWDC 2017

Apple sta per dare il via all’apertura della Conferenza Internazionale degli Sviluppatori di quest’anno (WWDC 2017), per la quale si attendono interessanti novità in merito alle nuove funzionalità software da fornirsi con le piattaforme iOS 11 di ultima generazione e l’integrazione con i sistemi di assistenza vocali home-made di Siri Assistant.

In ogni caso, una delle più interessanti novità dell’evento sarà certamente la presentazione del nuovo sistema di assistenza domestica Siri Speaker, da vedersi come l’antagonista diretto dei sistemi Google Home ed Amazon Alexa.

Un device che, sul piano estetico, potrebbe ereditare le forme cilindriche tipiche dei supporti di Mountain View, con in aggiunta un modulo touch per il display che consenta di impartire comandi base e gestire l’integrazione coordinata con le funzioni dell’ecosistema AppleApple WWDC 2017

Il funzionamento del device si basa essenzialmente sull’interazione a livello vocale. In tal caso, quindi, gli sviluppatori Apple disporranno di appositi algoritmi e funzionalità che consentiranno all’IA di interpretare al meglio le richieste e le interazioni con una molteplicità di servizi diversi.

Allo stesso modo, detti servizi si renderanno disponibili anche sugli iPhone che possono equipaggiare una distribuzione aggiornata di iOS 11 (tutti gli iPhone che dispongono di un’architettura base a 64-bit). In particolare, è stato detto che:

Apple dovrebbe annunciare i suoi piani la prossima settimana, tra questi l’intenzione di far funzionare il suo assistente vocale Siri con una più ampia varietà di applicazioni, in quanto la società tecnologica cerca di contrastare il successo di Amazon Alexa“

Apple Siri

Ad ogni modo, Apple dovrà vedersela anche con l’apprezzata concorrenza Google Home che, tuttavia, non è ancora giunta in Italia. Nel contesto dei sistemi intelligenti di assistenza vocale domestica e mobile, quindi, si nutrono serie speranze di rinnovamento anche qui in Italia. Le cose cambieranno in maniera definitiva? Lo scopriremo presto. Intanto, spazio a tutti i commenti.

 

FONTE