Apple Pay arriva in Italia: cosa sapere e come funziona il nuovo sistema di pagamento

Apple Pay è finalmente giunto in Italia. Ecco che cosa c’è da sapere sul nuovo servizio di pagamento intelligente. Scopriamo come funziona.

Apple Pay è appena sbarcato in Italia. Stiamo parlando dell’innovativo sistema di pagamento digitale messo a punto dagli sviluppatori della software house di Cupertino, i quali hanno previsto l’utilizzo dello smartphone quale alternativa valida alle soluzioni di acquisto tradizionali.

Una sorta di portafogli digitale, i cui vantaggi si riassumono nei termini della semplicità di utilizzo, della sicurezza e della velocità di accesso alle piattaforme. Un servizio rilasciato, ad oggi, in 15 Paesi di tutto il mondo ed in uso da decine di milioni di utenti.

Jennifer Bailey, Vice Presidente Internet Services di Apple Pay, ha confermato che:

“Gli utenti italiani di Apple potranno utilizzare un modo semplice, sicuro e riservato per pagare nei negozi, nelle app e sul web, impiegando i dispositivi che già amano e portano con sé ogni giorno. Per quanto riguarda la sicurezza dei dati, il numero di carta di credito non viene conservato sull’iPhone, né sui server Apple né condiviso con il commerciante e ogni transazione viene autorizzata con un codice di sicurezza dinamico e univoco che cambia di volta in volta”

Apple Pay italiaUn sistema di facile accesso, ma soprattutto sicuro. Sotto questo profilo, di fatto, gli utenti possono contare sull’utilizzo dei sistemi Touch ID, con riconoscimento delle impronte digitali o codice alternativo di sicurezza. La nuova pagina dedicata all’interno della nuova area Apple Pay del sito ufficiale informa che:

“A differenza di quel che accade con le carte di pagamento, quando sei in un negozio e usi Apple Pay su iPhone e Apple Watch, tutto avviene in un attimo. Devi solo avvicinare l’iPhone al terminale (o POS) tenendo il dito sul sensore Touch ID. Oppure premere due volte il tasto laterale di Apple Watch mentre lo avvicini al terminale”

Risulta chiaro, dunque, che attraverso il nuovo sistema di e-payment sarà possibile procedere all’acquisto di beni e servizi online in modo facile e sicuro, da ogni applicazione per smartphone ed orologi intelligenti.

Per portare a termine una transazione sarà sufficiente poggiare il proprio dito sul sensore Touch ID. In aggiunta, è possibile anche procedere direttamente tramite browser web Safari in caso di acquisti tramite iPhone, iPad o Mac. In tal caso, non è necessario procedere alla creazione di alcun account o effettuare alcun login ai servizi.

Apple PayApple, tra l’altro, precisa che il sistema di accesso sicuro tramite Touch ID è presente anche sul nuovo MacBook Pro.

“Il sistema Touch ID ora è disponibile anche sul nuovo MacBook Pro, perciò basta un tocco per pagare in modo veloce, facile e più sicuro che mai.Concludi i tuoi acquisti con Apple Pay sul nuovo MacBook Pro. Per completare un acquisto sul nuovo MacBook Pro con Touch Bar, non devi far altro che appoggiare il dito sul sensore Touch ID”

Al momento, gli istituti bancari italiani affiliati al servizio sono: Unicredit, Boon e Carrefour Banca, cui si aggiungeranno presto Mediolanum, American Express, Fineco Bank, Widiba, N26, ExpendiaSmart, BCC e Hype.

Per quanto riguarda i negozi che aderiscono all’iniziativa, invece, si sono indicati gli esercizi commerciali delle catene Auchan, Simply, Eataly, MediaWorld, Unieuro, EuroSpin, H&M, OVS, Leroy Merlin, Limoni, La Gardenia ed altri.

Tutti i dettagli sul nuovo servizio Apple sono disponibili all’interno dell’area dedicata del sito ufficiale di riferimento. Voi che cosa ne pensate di questa nuova piattaforma? Spazio a tutti i vostri commenti al riguardo.

FONTE


FONTE:
Approfondisci con: in ,
Vi abbiamo presentato robot di ogni tipo, dai robot giganti che si daranno battaglia ad agosto fino ad arrivare alla piccola robo-teiera che balla a tempo di musica, questo genere di prodotti hanno già cambiato la nostra vita e lo faranno sempre di più nel corso dei prossimi anni. Siamo soliti collegare l'idea di un robot a scenari futuri, ma forse non tutti sanno che già 240 anni fa è stato costruito quello che potremo definire un robot. Sembra strano ma è così, scopriamo insieme una delle curiosità tecnologiche più affascinanti della storia. Una macchina con sembianze umane in grado di svolgere autonomamente operazioni, idea vecchia, ma in realtà è ancora più antica di quanto si possa pensare. Un meccanismo composto da circa 6000 pezzi con 40 componenti interne sostituibili che consentono una sorta di "programmazione". Ecco a voi Lo Scrittore, opera dell'orologiaio Pierra Jaquet-Droz. Siamo alla fine del 1700, un lavoro certosino per dare vita a questo ragazzo artificiale, non solo un esercizio di stile ma una vera e propria macchina in grado di scrivere a seconda della programmazione. Affascinante e al contempo inquierante, il movimento di testa e occhi è davvero raffinato. Sembra quasi che il ragazzo sia concentrato su quello che sta scrivendo, Jaquet Droz ha costruito numerose macchine di questo tipo, ma Lo Scrittore è unanimemente riconosciuto come il suo grande capolavoro. 40 sono le lettere programmabili, questa macchina non ha alcun problema a scrivere brevi messaggi. Ecco a voi Lo Scrittore all'opera

Il primo ‘robot’ della storia ha 240 anni e funziona ancora perfettamente

HTC U11

HTC U11 ha la migliore fotocamera del mercato: ecco la valutazione di DxOMark