Apple produrrà internamente i display OLED dei futuri iPhone per ridurre la dipendenza da Samsung

La casa coreana sarà il fornitore del display OLED del nuovo iPhone 8

Tra poche settimane, probabilmente ad inizio di settembre, Apple svelerà il nuovo iPhone 8, il primo smartphone dell’azienda di Cupertino dotato di display OLED. Come noto, a fornire questo componente ad Apple sarà Samsung, leader indiscussa di questo segmento di mercato. La casa coreana fornirà ad Apple circa 80 milioni di pannelli nel solo 2017 arrivando poi a 160 milioni nel corso del 2018.

Al fine di ridurre la dipendenza da Samsung, in casa Apple si sta lavorando allo sviluppo di nuovi pannelli OLED che potrebbero essere prodotti dall’azienda internamente. Stando a quanto emerso in queste ore, Apple avrebbe completato l’acquisizione di alcuni macchinari CVD (chemical vapor deposition) che permettono la realizzazione di pannelli OLED 2.5G.

Probabilmente, il progetto di produzione interna di display OLED in casa Apple è ancora agli albori. La fornitura di pannelli per il nuovo iPhone 8 sarà, quindi, gestita interamente da Samsung ma per il futuro le cose potrebbe cambiare.

Come noto, infatti, Apple ha intenzione di introdurre, gradualmente, la tecnologia OLED su tutta la sua gamma iPhone e, probabilmente, anche sui futuri iPad. I prossimi progetti che verranno presentati a partire dalla seconda parte del 2018, potrebbero, quindi, presentare dei display OLED non prodotti da Samsung.

E’ chiaro però che Apple, prima di procedere alla sostituzione dei display OLED di Samsung, dovrà raggiungere un ottimo livello qualitativo per i suoi pannelli. Al momento, infatti, la casa coreana rappresenta il top del settore come testimoniato dall’eccellente display Super AMOLED installato sui Galaxy S8 e Galaxy S8+.

Ulteriori dettagli sui progetti futuri di Apple in materia di display OLED potrebbero emergere già nel corso dei prossimi mesi. L’appuntamento con la presentazione del nuovo iPhone 8 è, invece, programmato per la prima parte del mese di settembre. Continuate a seguirci per tutti gli aggiornamenti.

Fonte

 


Approfondisci con: in ,
FONTE: