L’idea di un’auto volante accompagna da tempo immemore la fantasia del grande pubblico. Un prodotto che per il momento è rimasto ad appannaggio dei film di fantascienza, ma la tecnologia negli ultimi decenni ha fatto passi avanti tale da permettere più audacia. Gli ultimi mesi sono stati monopolizzati dai veicoli a guida autonoma, prospettiva più immediata per quanto riguarda il mondo automotive, con Tesla a guidare una rivoluzione che ci permetterà di muoverci senza dover guidare le nostre automobili.

Tesla e gli altri sono però ancora legati al concetto del trasporto su gomma, con tutto ciò che ne deriva a livello di infrastrutture e questioni urbanistiche, l’auto volante potrebbe rivoluzionare non sono il mondo del trasporto, ma anche il modo di intendere la città nel suo complesso. Un progetto ambizioso ma non per questo irrealizzabile. Airbus vuole trasformare questo sogno in realtà e intende farlo in tempi brevi. Scopriamo insieme cosa ci riserva l’immediato futuro.

Il 2017 sarà l’anno dell’auto volante?

Non è roba da “Ritorno al Futuro”, l’auto volante si farà e presto potremo ammirare un vero prototipo. Tom Enders, numero uno di Airbus, ha garantito al riguardo e c’è da credergli, visto che l’azienda l’anno scorso ha dato vita alla Urban Air Mobility, una divisione pensata appositamente per questo ambizioso progetto.

Auto volante airbus
Non è più un sogno: l’auto volante sta per diventare realtà…

Enders lo ha dichiarato nel corso di una conferenza a Monaco di Baviera, parlando esplicitamente di un veicolo volante monoposto da presentare entro fine 2017. L’idea è quella di farne una flotta di taxi volanti a decollo verticale, sulla scia di quanto fatto da Uber con il servizio Uber Chopper, che permette agli utenti di utilizzare un elicottero per i propri trasporti.

LEGGI ANCHE Il ritorno del Concorde

Un progetto ambizioso, come abbiamo detto, ma è evidente che Airbus sia già in fase operativa e sappia come muoversi. C’è anche un nome in codice: Vahana. Questo concept riguarda un’auto volante a guida autonoma, in grado di trasportare una/due persone e merci. Ma non è l’unico nome plausibile.

Si parla anche di CityAirbus, un veicolo munito di eliche, una sorta di grande drone. Questo veicolo però non sarebbe pensato per il trasporto di persone, bensì prodotti, il tutto con l’ausilio di un pilota per le fasi di decollo, poi la guida passa al software che si occupa di portare il materiale a destinazione. Il 2017 sarà un grande anno per la tecnologia, nei prossimi mesi emergeranno nuovi dettagli su questo ambizioso progetto.