Alcuni microbi in Antartide sono sopravvissuti solo con l’energia atmosferica. Se possono farlo loro, perché non potrebbero gli alieni? Nel 2014, un team di ricercatori provenienti da Australia e Nuova Zelanda ha raccolto campioni di suolo da due siti non ghiacciate lungo la costa orientale dell’Antartico. Volevano capire in che modo la vita microscopica sia riuscita ad ottenere tutto ciò di cui aveva bisogno per sopravvivere in un ambiente così inospitale. Hanno ricostruito il genoma di quasi due dozzine di microbi e identificato due tipi di batteri precedentemente sconosciuti: WPS-2 e AD3.

Si trovavano in un’abbondanza estremamente elevata che non era mai stata osservata prima“, ha dichiarato l’autrice Belinda Ferrari, che dirige il laboratorio di microbiologia presso l’Università del New South Wales. Ecco perché abbiamo deciso quindi di realizzare la genomica per ottenere informazioni sul comportamento di questi batteri“.

A quanto pare, WPS-2 e AD3 in realtà non hanno bisogno di nulla: estraggono energia e carbonio dall’idrogeno, dal monossido di carbonio e dal biossido di carbonio nell’aria. La scoperta apre la possibilità allettante che esistano anche su altri pianeti forme di vita che necessitano solo di gas atmosferico per sopravvivere. 

bizzarri-batteri-antartici-potrebbero-spiegare-esattamente-come-potrebbe-essere-la-vita-aliena

Come hanno scritto i ricercatori nel loro studio, l’Antartide terrestre è uno degli ambienti più estremi sulla Terra. Tra le temperature di congelamento, l’alta esposizione alle radiazioni UV e il carbonio, l’azoto e l’acqua limitati, l’Antartide non ha davvero alcun supporto per qualsiasi tipo di vita. Eppure, hanno scritto gli scienziati, una “sorprendente diversità” di microbatteri prospererebbe proprio lì.

I batteri “estremofili” possono sopravvivere nelle condizioni più difficili sulla (e, forse, fuori) Terra. Le condizioni in Antartide sono simili a quelle di alcune lune ed esopianeti ed è per questo che l’Antartide, come i vulcani delle Hawai o delle paludi in Etiopia, costituisce un utile parallelo per gli scienziati che cercano di capire meglio come potrebbe sopravvivere “qualcosa” su altri mondi. La grande domanda è stata come i microbi possano sopravvivere quando c’è poca acqua, i terreni sono molto carenti di carbonio organico e c’è pochissima capacità di produrre energia dal Sole attraverso la fotosintesi durante l’oscurità invernale“, ha detto Ferrari. Abbiamo scoperto che i microbi antartici hanno invece sviluppato meccanismi per vivere in aria“.

Gran parte del clamore sulla continua ricerca di vita aliena si concentra su Marte, ma di pari importanza sono anche le lune ghiacciate come Encelado ed Europa – che orbitano rispettivamente Saturno e Giove – ed assomigliano molto all’Antartide. Secondo la NASA, i corpi celesti con oceani d’acqua liquidi sotto la superficie del ghiaccio sono maturi per la vita microbica.