Il mondo artificiale si avvicina sempre di più alla nostra realtà, succede anche nel campo dell’anatomia, nelle scuole mediche che oggi possono utilizzare il cadavere umano artificiale realistico. In passato, per le procedure mediche e gli studi di anatomia, si utilizzavano cadaveri umani veri e propri, adeguatamente conservati, per insegnare in aula o per la ricerca.

I cadaveri artificiali fabbricati dalla SynDaver Labs danno una svolta storica allo studio anatomico e non solo: incredibilmente realistici, modelli medici accurati nei dettagli con tutti gli organi, muscoli e sistemi meticolosamente rappresentati. Sono umidi e flessibili, realizzati in silicio gommoso o plastica rigida, somigliano dannatamente ai tessuti viventi.

 

Il cadavere umano artificiale della SynDaver Labs

Un modello di cadavere umano artificiale realistico, in particolare, è destinato al primo intervento ed alla formazione di chirurghi. Imita ciò che accade nel corpo durante un intervento chirurgico o un trauma rappresentando le funzioni biologiche di una persona che vive in difficoltà come, ad esempio, la respirazione fluttuante, la pressione sanguigna ed il battito cardiaco. Questo modello si trova sul sito web ufficiale di SynDaver .

Il simulatore di cui disponiamo riproduce esattamente le condizioni di un paziente reale fino alla morte” ha riferito a Live Science Kevin King, vice presidente di SynDaver per il marketing globale.

cadavere umano artificiale

Simula alla perfezione la fisiologia di un essere umano” spiega King “In caso di lesione, ad esempio, la frequenza cardiaca e la respirazione accelererebbero, la pressione sanguigna si abbasserebbe. Il nostro modello è in grado di replicare tutto questo”.

Questi simulatori, il cui prezzo può raggiungere i 100.000 dollari, includono organi e tessuti realistici e non solo: contengono anche sistemi interni dinamici che interagiscono con il software. Utilizzando un controller tablet, gli istruttori possono programmare elementi nel loro ‘paziente’ artificiale come la frequenza cardiaca, la respirazione e la pressione sanguigna. Un liquido sanguigno estratto da serbatoi ricaricabili circola attraverso il corpo sintetico fuoriuscendo dalle sue ‘ferite’. Nel fare tutto questo, è in grado di fornire un prezioso sistema di apprendimento per i chirurghi, afferma King.

Nel corso della loro formazione, gran parte degli studenti non avrebbe la possibilità di tenere in mano un cuore umano. Il nostro simulatore umano imita tutte queste proprietà ed è capace anche di pompare per dar modo agli studenti di assistere al meccanismo reale di un cuore vivente” conclude Kevin King nella sua intervista rilasciata a Live Science.

Pelle, muscoli, organi realistici anche al tatto

cadavere umano artificiale

Pelle, muscoli e organi dei vari modelli di cadavere umano artificiale realistico realizzati accuratamente in materiale sintetico della SynDaver si avvicinano al tessuto organico umano non soltanto nell’aspetto ma anche al tatto.

Altri simulatori della SynDavers sono modelli anatomici realistici sprovvisti di parti in movimento (il prezzo parte da 60.000 dollari). La sensazione al tatto è la stessa, i tessuti sono tremendamente realistici, i materiali imitano la sensazione tattile, l’elasticità e le proprietà fisiologiche dei tessuti molli umani.

Uno di questi modelli è stato utilizzato nello show televisivo MythBusters come supporto per dimostrare probabili danni a seguito di certi incidenti. Rappresenta un modello di cadavere umano artificiale indispensabile per fare test che non potrebbero essere possibili con normali cadaveri umani.

Che cosa rende tanto realistici organi, pelle e muscoli pseudo-biologici di SynDavers? L’umidità è un componente chiave della ricetta segreta del polimero utilizzato: “L’acqua, il sale e le fibre” sono gli unici tre ingredienti che King è autorizzato a rivelare.

Formazione, diagnosi, interventi chirurgici: altri strumenti realistici

syndaver labs

Negli ultimi anni, oltre al cadavere umano artificiale della SynDaver sono stati registrati numerosi altri progressi tecnologici in medicina che hanno perfezionato gli strumenti  medici utilizzati per la formazione, la diagnosi e gli interventi chirurgici.

Oggi, la risonanza magnetica è in grado di visualizzare strutture delicate come i singoli vasi sanguigni del cervello per consentire agli esperti di modellarli in 3D ed individuare le regioni del cervello allo scopo di ripararle. I chirurghi possono utilizzare radiazioni mirate per distruggere tumori, lesioni nel cervello ed in altre parti del corpo.

I ricercatori stanno anche sviluppando un tipo di elettronica elastica ed indossabile che potrebbe, in futuro,  sfruttare guanti intelligenti ultrasottili , aiutando medici e infermieri a diagnosticare o trattare i pazienti con un solo tocco.

Simulazioni di VR (realtà virtuale) sofisticata e di AR (realtà aumentata), talvolta integrate in modelli di organi stampati in 3D, si stanno rivelando preziose per medici e studenti di medicina: consentono loro di apprendere o praticare tecniche chirurgiche difficili in condizioni reali, che evitano qualsiasi tipo di rischio per i pazienti.

cadavere umano artificiale realistico della syndaver labs

Tuttavia, pur essendo in grado di creare virtualmente l’immagine tridimensionale di un cuore che batte, la realtà virtuale e quella aumentata non sono ancora all’altezza di rappresentare un’esperienza viscerale e pragmatica sufficiente a trattare o studiare il corpo umano.

E’ preferibile mettere le mani ‘dentro la tecnologia’, sentire il vero peso di un cuore, il battito di un cuore come quello esistente in natura, non fluttuante nello spazio” conclude King.

FONTE:Live Science