Sviluppata la batteria che funziona con la saliva

Per il momento non consente di ricaricare uno smartphone, ma la soluzione al problema delle batterie potrebbe essere quella più economica possibile: la saliva. prodotta dalla nostra bocca. La carica della batteria batterica con la saliva è stata sviluppata da un team di ricercatori della Binghamton University, nello stato di New York.

Questa è la nuova generazione di cellule microbiche (MFC), che creano correnti elettriche attraverso batteri. La nuova MFC di cellule esoelettrogeniche (microrganismi che possono trasferire elettroni) è liofilizzata e inattiva, ma può produrre energia in pochi minuti aggiungendo saliva. In altre parole, per farli lavorare, non che… sputare.

Seokheun Choi, assistente professore di Scienza Elettrica e computerizzata presso Binghamton che ha lavorato nella produzione di questa micro energia, è uno dei creatori della nuova batteria. Servirà per applicazioni in diagnostica in situ nei paesi in via di sviluppo, dove le batterie commerciali sono costose o di grandi dimensioni“, ha spiegato professore. Il sistema può essere particolarmente utile per diagnosticare i pazienti che ricevono cure in luoghi dove l’uso di batterie convenzionali è limitata e ci sono poche alternative al collegamento di strumenti come biosensori.

In genere, queste applicazioni richiedono solo livelli di energia di poche decine di microwatt e per alcuni minuti, ma le batterie commerciali o altre tecnologie di raccolta di energia sono troppo costose o sopra qualificate. E, va aggiunto che le batterie tradizionali costituiscono anche un problema di inquinamento ambientale.

Seokheun assistente professore Choi ha lavorato cinque anni in batterie di carta e di energia generate da batteri
 

Pertanto, Choi e il suo assistente di ricerca Maedeh Mohammadifar, hanno creato una cellula microbica (MFC). Questa batteria necessita di una singola goccia di saliva e può essere utilizzata nella piattaforma diagnostica di prossima generazione in situ di cura basata su carta monouso.

La proposta di tale batteria ha vantaggi competitivi rispetto ad altre soluzioni convenzionali. La necessità di attivare la richiesta batteria non solo con fluido biologico è immediatamente disponibile in situazioni più limitate, ma la tecnologia di liofilizzazione permette la memorizzazione permanente della batteria senza perdere le sue proprietà o degradare.

Le cellule microbiche sono forniti come un'alternativa pulita alle batterie tradizionali

Il passo successivo per il team di Choi è quello di migliorare la densità di energia, ottenendo di generare più potenza per centimetro quadrato. Il che determinerà il suo utilizzo nel mondo reale. “In questo momento, la nostra densità di energia è a pochi microwatt per centimetro quadrato“, ha riconosciuto Choi. “Tuttavia, le cellule microbiche sono collegati in serie su un foglio di carta generando valori di corrente elettrica e tensione sufficiente per attivare un diodo emettitore di luce (LED).”