Facebook: account

Il colosso Facebook ha accusato la Strategic Communication Laboratories (SCL), insieme alla sua società di analisi dei dati politici Cambridge Analytica, di aver violato le sue politiche in materia di raccolta e conservazione dei dati. Le aziende, che hanno gestito le operazioni sui dati per la campagna elettorale presidenziale di Donald Trump del 2016, hanno ricevuto ampio credito per aver aiutato l’attuale presidente USA a raggiungere gli elettori su Facebook in modo più efficace rispetto alla sua rivale, Hillary Clinton.

Secondo un articolo pubblicato sul New York Times, la Cambridge Analytica ha acquisito illegalmente dati da 50 milioni di profili Facebook senza il permesso dei proprietari degli account. Questo è stato presumibilmente effettuato in occasione delle elezioni di metà mandato del 2014, poiché Cambridge ha ricevuto un investimento di 15 milioni di dollari dal donatore repubblicano Robert Mercer. Cambridge ha anche attirato l’attenzione del consigliere politico di Mercer, Stephen Bannon, promettendo di sviluppare un metodo per identificare i tratti della personalità degli elettori statunitensi e guidarli nel voto del governo degli Stati Uniti.

L’articolo del Times si basa sulle informazioni ottenute dai documenti e dagli ex dipendenti e associati di Cambridge. L’azienda è riuscita a creare una delle maggiori fughe di dati nella storia di Facebook. Questo ha permesso a Cambridge di affinare il proprio sistema in tempo per consentire ai repubblicani di utilizzare i dati ottenuti illegalmente e di lavorare alla campagna presidenziale promossa dal presidente Donald Trump nel 2016.

Cambridge ha ancora il controllo di questi dati e Facebook non ha ancora annunciato apertamente il furto di tali informazioni. Come risulta dal report del quotidiano americano, Cambridge afferma di aver pagato i dati di un ricercatore che sosteneva di averli raccolti per motivi accademici. Il ricercatore, un russo-americano di nome Aleksandr Kogan, è stato sospeso dall’uso di Facebook insieme a Cambridge Analytica e al co-fondatore di quest’ultimo, Christopher Wylie.

Alexander Nix, CEO di Cambridge, ha negato di aver ottenuto e utilizzato i dati di Facebook durante le precedenti interviste. Tuttavia, ha cambiato la sua melodia in una dichiarazione al Times, anche se ha addossato la colpa al ricercatore Kogan. Ha anche detto che i dati sono stati cancellati due anni fa, in contraddizione con altri che hanno familiarità con la storia.

I dati utilizzati da Cambridge Analytica provengono da un’applicazione costruita dal russo-americano Kogan, che è stato docente di psicologia presso l’Università di Cambridge. Il professore conosceva un’applicazione simile costruita dal Centro di Psicometria dell’Università, che si serve dei “mi piace” degli utenti di Facebook per ottenere i tratti di personalità degli iscritti al social media. Le informazioni sono state utilizzate dalla campagna Trump per pubblicizzare annunci digitali e richieste di raccolta fondi. I dati sono stati utilizzati anche per capire in quali aree la campagna avrebbe dovuto spendere 5 milioni di dollari in pubblicità televisive e dove inviare Trump per le proprie apparizioni.

C’è qualcosa di ambiguo nel Cambridge Analtyical? Domanda dalla difficile risposta, se si considera che il CEO Nix è stato accusato da Channel 4 TV in Gran Bretagna di aver fatto ricorso a società di copertura ed ex dipendenti per conto di clienti politici. Ad ogni modo tali clienti politici stanno diventando sempre più difficili da trovare. In realtà, nessuna campagna americana sembra aver sottoscritto i servizi dell’azienda per le elezioni di metà mandato del 2018, e non è noto se la campagna di rielezione di Trump 2020 li utilizzerà di nuovo.