Facebook, scandalo Cambridge Analytica la risposta di Zuckerberg

Mark Zuckerberg, il CEO del colosso Facebook ha finalmente rotto il silenzio e rilasciato numerose interviste ai principali mass media per spiegare il ruolo del social network nello scandalo dei dati di Cambridge Analytica e le intenzioni dell’azienda.

Zuckerberg ha detto più o meno le stesse cose a tutti, da Recode al New York Times alla CNN, ma una risposta è emersa: in risposta alla domanda di Laurie Segall della CNN se fosse preoccupato per le normative di Facebook da parte dei governi di tutto il mondo, ha risposto. “In realtà non sono sicuro che non dovremmo essere regolamentati. Penso che in generale la tecnologia sia una tendenza sempre più importante nel mondo. Penso che la domanda sia: qual è la regolamentazione giusta e – piuttosto che “sì o no” – dovremmo essere regolamentati?”.

Il CEO si è scusato per la gestione da parte della sua azienda per la violazione della privacy di Cambridge Analytica: “Questa è stata una grave violazione della fiducia e mi dispiace molto che sia successo. Ora abbiamo la responsabilità di assicurarci che questo non accada più”, ha detto in un’intervista alla CNN.

“Voglio condividere un aggiornamento sulla situazione di Cambridge Analytica, inclusi i passi che abbiamo già fatto e i nostri prossimi passi per affrontare questo importante problema. Abbiamo la responsabilità di proteggere i vostri dati e, in caso contrario, non meritiamo di servirvi. Ho lavorato per capire esattamente cosa è successo e come fare in modo che questo non accada più. La buona notizia è che le azioni più importanti per evitare che ciò si ripeta oggi sono già state intraprese anni fa. Tuttavia, abbiamo anche commesso degli errori, c’è ancora molto da fare e dobbiamo fare di più”, ha scritto Zuckerberg in un lungo post condiviso sul suo profilo Facebook ufficiale, ammettendo gli errori nella gestione che hanno portato alle rivelazioni dei dati di Cambridge Analytica.

Il numero uno del social ha poi definito un piano multi-parte progettato per ridurre la quantità di dati condivisi dagli utenti con sviluppatori esterni, e ha detto che avrebbe verificato diversi programmatori che avevano accesso a grandi gruppi di dati prima che le restrizioni precedenti fossero implementate nel 2014:

“In primo luogo, indagheremo su tutte le applicazioni che hanno avuto accesso a grandi quantità di informazioni prima di cambiare la nostra piattaforma per ridurre drasticamente l’accesso ai dati nel 2014, e condurremo un audit completo di qualsiasi applicazione con attività sospetta. Vieteremo la nostra piattaforma a qualsiasi sviluppatore che non accetti le nostre condizioni. E se trovassimo sviluppatori che hanno abusato delle informazioni di identificazione personale, li bloccheremo ed avviseremo tutti coloro che sono interessati da quelle applicazioni. In secondo luogo, limiteremo ulteriormente l’accesso ai dati degli sviluppatori per prevenire altri tipi di abuso. Ad esempio, rimuoveremo l’accesso degli sviluppatori ai dati degli utenti che non utilizzano la loro app per oltre 3 mesi. […] Richiederemo agli sviluppatori non solo di ottenere l’approvazione, ma anche di firmare un contratto per chiedere a chiunque di accedere ai loro post o ad altri dati privati.  […] In terzo luogo, vogliamo assicurarci che l’utente comprenda quali applicazioni hanno il permesso di accedere ai dati. Il mese prossimo, mostreremo a tutti uno strumento in cima al News Feed con le app che utilizzate ed una semplice guida per revocare i permessi di tali app. […] Al di là dei passi che avevamo già compiuto nel 2014, credo che questi siano i prossimi passi che dobbiamo compiere per continuare a rendere sicura la nostra piattaforma”.

Zuckerberg termina la sua lunga dichiarazione assumendosi la responsabilità di quanto accaduto e promettendo di non ripetere più gli errori commessi: “Ho fondato Facebook e alla fine sono responsabile di quello che succede sulla nostra piattaforma. Faccio sul serio per proteggere la nostra comunità. Anche se questo problema specifico che coinvolge Cambridge Analytica non dovrebbe più accadere con le nuove app oggi, questo non cambia quello che è successo in passato. Impareremo da questa esperienza per proteggere ulteriormente la nostra piattaforma e rendere la nostra comunità più sicura per tutti. Voglio ringraziare tutti voi che continuate a credere nella nostra missione e a lavorare per costruire insieme questa comunità. So che ci vuole più tempo per risolvere tutti questi problemi di quanto vorremmo, ma vi prometto che lavoreremo su questo e costruiremo un servizio migliore a lungo termine”, conclude il CEO.