in ,

Galaxy S8, con processore Exynos 8895 più potente di Snapdragon 830: il video

Tra i rumor interessanti che riguardano il prossimo Top di gamma Samsung Galaxy S8, troviamo il processore Exynos 8895, con un chipset 10nm. A rivelarlo anche il sito coreano Daum, secondo il quale il Galaxy S8 porterà in dote questo processore che ha il nuovo Mali-G71 di ARM, successore del Mali-T880. Cosa significa ciò? Che il Galaxy S8 avrà una GPU 1,8 volte più potente del suo predecessore e si concentrerà sul trattamento intensivo della grafica, che può gestire i 4K e i contenuti della realtà virtuale. Potrebbe anche utilizzare la nuova architettura Bitfrost di ARM. Vediamo di seguito altri dettagli e un video confermativo.

Galaxy S8, cosa cambia con processore Exynos 8895

Come riporta anche il sito ufficiale di ARM, Mali-G71 è stato sviluppato per soddisfare le esigenze dei nuovi progressi del settore, come Vulkan API della multi-piattaforma di Khronos. Ma anche rendere più fruibile l’esperienza della realtà virtuale sui dispositivi mobile. E ‘stato progettato appositamente per apportare miglioramenti significativi anche per quanto concerne l’efficienza energetica. A quanto pare Mali-G71 sarebbe perfino meglio di imminente Snapdragon 830.

galaxy s8 Exynos 8895

Galaxy S8 potrebbe diventare più potente dei dispositivi che potrebbero incorporare quest’ultimo processore. Se la voce sarà confermata, sarà la prima volta che il chipset ARM supererà quelli Qualcomm nel campo dei GPU. Infine, rumor ritengono che Exynos 8895 arriverà fino a 3 GHz.

Leggi anche: Galaxy S7 Edge, ecco video che confronta versioni Injustice e Pearl Black

Galaxy S8, video riepilogativo conferma processore Exynos 8895

A suffragio di queste informazioni arriva anche un video riepilogativo riguardante Galaxy S8. Nel quale si fa riferimento anche, appunto, al processore Exynos 8895. Il prossimo Top di gamma Samsung si mostra dunque innovativo anche per quanto concerne la velocità e la fruizione delle immagini. Anche della realtà virtuale.

Non resta che attendere il prossimo 26 febbraio, o al massimo aprile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…