Tutti in trepidante attesa del Samsung Galaxy S8. Il quale, come saprete ormai tutti, sarà presentato brevemente a Barcellona in occasione del World Mobile Congress il 26 febbraio. Mentre in via definitiva il 29 marzo con luogo ancora da stabilire e venduto non prima di metà aprile. L’attesa, ormai estenuante, viene alleviata da rumor allettanti e sempre più dettagliati. Del resto, almeno stando alle indiscrezioni, il Galaxy S8 dovrebbe essere un dispositivo altamente innovatore del settore.

In fondo gli ultimi cinque anni hanno visto l’uscita di tanti dispositivi che hanno posto un nuovo tassello. Si pensi ai Motorola Moto G e Moto X, usciti nel 2013, che introdussero l’idea di uno smartphone “di fascia media”. O, sempre in quell’anno, al Sony Xperia che introdusse il primo display full HD. Ma anche a LG G2, che introdusse l’idea dei tasti fisici nella parte posteriore del telefono. E ancora, nel 2015, ASUS ZenFone 2, il primo smartphone con 4GB di RAM. Ma anche Samsung è stata innovatrice e proprio con due smartphone della fortunata serie S. Vediamo quali.

Galaxy S8 insedierà iPhone come fece S3?

La serie S è sempre stata molto apprezzata, esplodendo con i Galaxy S2 e Galaxy S2 Lite. Tuttavia, a farla decollare fu il Galaxy S3, capace di dare origine alla battaglia ormai infinita tra Samsung e Apple. Infatti, il Galaxy S3 fu in grado di insediare un iPhone. Nella fattispecie, iPhone 5. Basta dire che se il suo predecessore, il Galaxy S2, vendette circa 40 milioni in totale, l’S3 ha venduto 30 milioni di dispositivi in un solo mese dall’uscita. Il segreto? Era performante, con un look unico ed un software che si differenziava. Infastidì perfino le vendite del suo successore, il Galaxy S4, al punto che Samsung ne impose il ritiro per non distrarre i potenziali clienti.

galaxy s8

Il Galaxy S6 Edge, consolidò l’idea del display curvo su entrambi i lati

Il 2015 fu segnato dal punto di vista della telefonia dall’uscita del Galaxy S6 Edge. Il Samsung S6 fu abbastanza criticato, ma presentava l’innovativa versione Edge con display curvo su entrambi i lati. In realtà l’idea del display curvo su entrambi i lati era già esistente con il Note Edge, ma fu implementato con questo dispositivo. Il successo fu inesorabile, tanto da essere ripetuto con il successivo Galaxy S7.

Leggi anche: Galaxy S7 Edge, partito importante e inaspettato aggiornamento: di cosa si tratta

Mentre il Galaxy S8 presenterà addirittura entrambi le versioni così. Quello che era un rischio, è diventato ormai un marchio di fabbrica di casa Samsung.