E’ stata scoperta la prima copia greca originale di una scrittura cristiana eretica che si ritiene contenga gli insegnamenti segreti di Gesù al fratello Giacomo. Il manoscritto è stato scoperto all’Università di Oxford da studiosi biblici presso l’Università del Texas ad Austin.

Gli scritti riportati su un piccolo pezzo di papiro pare facciano parte dell’Apocalisse di Giacomo, un libro della Bibbia che fu bandito dall’imperatore Costantino e che non faceva parte del Nuovo Testamento rilasciato nel 367 d.C. da Atanasio, vescovo di Alessandria. La sua Lettera di Pasqua del 367 definiva il Nuovo Testamento di 27 libri.

Il testo in questione faceva parte della Biblioteca di Nag Hammadi – una raccolta di 13 libri di gnostici copti scoperti nell’Alto Egitto oltre 70 anni fa (precisamente, nel 1945). I codici erano stati nascosti in un barattolo nella città egiziana di Nag Hammadi circa 1400 anni fa e dovrebbe risalire ad un periodo compreso tra il II e VI secolo.

A differenza del resto dei documenti, i frammenti scoperti di recente non sono stati scritti in copto ma in greco.

gesu-al-fratello-giacomo-scoperto-papiro-con-rivelazioni-dellapocalisse

Gli insegnamenti segreti di Gesù a Giacomo, regno celeste, eventi futuri

Questa nuova scoperta è significativa perché dimostra che i cristiani leggevano e studiavano ancora scritti extra-canonici molto tempo dopo che i leader cristiani li avevano considerati eretici” ha dichiarato a Newsweek Geoffrey Smith, un assistente professore di studi religiosi all’Università del Texas ad Austin nonché uno dei  due studiosi che hanno fatto la scoperta. “Non pensavamo che i frammenti greci della Prima Apocalisse di Giacomo potessero sopravvivere nel tempo e, invece, eccoli lì, proprio di fronte a noi”.

L’antico documento descrive gli insegnamenti segreti che Gesù ha condiviso con suo fratello Giacomo ed include informazioni sul regno celeste e sugli eventi futuri, inclusa l’inevitabile morte di Giacomo.

Il testo integra il resoconto biblico della vita e del ministero di Gesù, consentendoci di accedere a conversazioni che presumibilmente si sono svolte tra Gesù e suo fratello – insegnamenti segreti che hanno permesso a Giacomo di essere un buon insegnante dopo la morte di Gesù” afferma Smith.

 

 

Il testo usato per insegnare a leggere e scrivere

Brent Landau, docente del Dipartimento di studi religiosi dell’UT (Austin), che ha lavorato alla ricerca, ritiene che il testo sia stato usato per insegnare agli studenti a leggere e scrivere.

Lo scriba ha diviso la maggior parte del testo in sillabe usando i punti medi: tali divisioni sono molto rare nei manoscritti antichi, ma si presentano spesso in manoscritti usati in contesti educativi” spiega lo studioso.

L’insegnante che ha prodotto questo manoscritto deve avere “avuto una particolare affinità per il testo“, ha ammesso Landau. Non sembra essere un breve estratto dal testo (come da ordinari esercizi scolastici) ma piuttosto una copia completa di questa proibita scrittura antica.

Smith e Landau hanno annunciato la scoperta al meeting annuale della Society of Biblical Literature che ha avuto luogo a Boston nel mese di novembre e stanno lavorando per pubblicare le loro scoperte preliminari nella serie di Memorie Greco Romane dei papiri di Oxyrhynchus.

Gesù aveva fratelli?

Per molti, il suggerimento che Giacomo fosse un parente di sangue di Gesù è fonte di discussione. Nel 2002, gli archeologi hanno scoperto un ossario di 2000 anni o “scatola di ossa” con iscrizioni aramaiche che si traducevano in: “Giacomo, figlio di Giuseppe, fratello di Gesù“.

Se verrà dimostrata l’autenticità di questo manoscritto, sarebbe la prima prova nel suo genere per indicare che Gesù aveva fratelli. “Il Nuovo Testamento non dice nulla sul fatto che Maria sia una vergine perpetua, afferma che ha concepito in modo virginale Gesù e, certamente, implica che dopo ha avuto altri figli” ha dichiarato alla CNN nel 2015 Ben Witherington, professore di Interpretazione del Nuovo Testamento all’Asbury Theological Seminary.