Tanti parlano di alieni, un tema che solletica la fantasia e fa sognare moltissimi in tutto il mondo. Letteratura, cinema ma non solo, le informazioni diffuse in rete hanno dato nuova linfa al tema. Un’enormità di dichiarazioni, rivelazioni, testimonianze, in questo grande mare di dati non è facile trovare fonti attendibili, tuttavia ci sono anche rappresentanti della comunità scientifica a ritenere che gli alieni non solo esistano, ma che siano da tempo sulla Terra. Tra questi c’è Stanton Friedman.

Fisico e saggista americano, ha lavorato per grandissime aziende come General Motors occupandosi di aerei a propulsione nucleare e centrali nucleari per scopi spaziali. Non l’ultimo arrivato dunque. Nel 2017 è diventato un nome noto in ambito ufologico con il suo libro Crash a Corona del 1997, incentrato sulle teorie legate all’Ufo che sarebbe precipitato a Roswell. Da molti anni è in pensione, Friedman si dedica all’ufologia e in queste ore ha fatto notizia con dichiarazioni clamorose. Scopriamo insieme cosa ha detto.

‘Gli alieni non vogliono che andiamo nello spazio’

Il fisico nucleare Stanton Friedman è certo che la Terra sia stata più volte visitata da alieni, “non c’è ombra di dubbio” ha sentenziato nel corso di un’intervista al Daily Star. 83 anni il prossimo luglio, Friedman spiega perché il tema sia ancora circondato dal mistero: “Viene tutto tenuto segreto perché potrebbe causare panico su larga scala”.

stanton friedman alieni

Se volessero farsi conoscere, gli alieni lo farebbero senza problemi” ha affermato il fisico aggiungendo che i documenti CIA recentemente desegretati confermano la sua teoria. Quella dei visitatori dallo spazio non sarebbe però una presenza innocua. Secondo Friedman “sono qua per tenerci in quarantena, per impedirci di conquistare lo spazio”.

Per il fisico i governanti della Terra vorrebbero trarre vantaggio dalla presenza degli alieni, cercando di ottenere la loro tecnologia per garantirsi la supremazia mondiale: “La prima nazione che riuscirà a replicare la tecnologia degli alieni potrà dettare legge. E’ anche una questione politica – prosegue – gli Stati Uniti sono pronti a tutto per far sì che russi o cinesi non ci riescano”.

Fonte: express.co.uk