trappist-1

Un gruppo di scienziati ha scoperto due pianeti in grado di raccogliere teoricamente le condizioni necessarie per sostenere la vita, simili a quelle che esistono sul pianeta Terra. E, quindi, hanno guadagnato la designazione di pianeti potenzialmente abitabili.

I pianeti fanno parte di un sistema composto da un totale di sette corpi celesti, scoperti nel 2017, che hanno attirato l’attenzione della comunità scientifica per la quantità, la vicinanza a una stella nana e la somiglianza tra le loro dimensioni e quelle della Terra. Questo sistema planetario fu chiamato Trappist-1, la cui denominazione gli fu derivata dal telescopio TRAPPIST, situato nell’osservatorio di La Silla in Cile. 

I sette pianeti che lo fanno ruotare attorno a una stella nana, omonimo dell’intero sistema, è Trappist-1. A differenza del Sole, questa è una stella nana ultra-fredda. Ciò significa che la stella è sufficientemente fredda da fare in modo che, a una distanza dai pianeti orbitanti, possono esserci condizioni favorevoli all’esistenza di acqua liquida o solida. 

Questo fatto è particolarmente rilevante poiché, mai prima d’ora, sono stati trovati così tanti pianeti di dimensioni simili alla Terra attorno alla stessa stella o in un’area in cui le temperature erano troppo elevate.

trappist-1

Il sistema Trappist-1

Il sistema Trappist-1 è a 39 anni luce dalla Terra nella costellazione dell’Acquario. Quindi, la ricerca e lo studio ora si svolgono principalmente nei laboratori e nei computer. In Ungheria, il team di scienziati guidati da Amy Barr ha creato modelli matematici dei sette pianeti e dei loro interni, concludendo che sei di loro probabilmente hanno anche acqua. Lo studio, pubblicato su Astronomy & Astrophysics, ora si riferisce a due di questi sette pianeti (“D” e “E”) scoperti lo scorso anno. E, con temperature ragionevoli, possono anche essere abitabili. 

Affinché un pianeta sia considerato potenzialmente abitabile, esso deve aggiungere alla possibilità di esistenza di acqua, una temperatura ragionevole che consente l’esistenza della vita – qualcosa che risulta da un incrocio raro di diverse caratteristiche come la distanza dalla stella principale e le forze applicate nel sistema. Il pianeta non può essere troppo vicino per non rischiare di raggiungere temperature troppo elevate, né troppo lontano per poter essere congelato.